Home
Didone Liberata
DL - Abstract
DL - Préface
DL - Compte Rendu
DL - Atti e Scene
DL - 1.1F
DL - 1.4F
DL - 4.6F
Dido sine veste
Virgil's Dido
Ovid's Dido
Altisidora infera
La Didone
D. Delirante
Contre-Enquête
Contro-Inchiesta
Point de Rupture
A. incriminado
Virgil's Murder
Le prix de l'honneur
Psittacus occidit
La Saga di Enea
Libro Primo
Silio Italico
Didone storica
Fonti
Dido coins
Solky
Didone non è morta
Dido Forum 1
Dido Forum 2
Dido Forum 3
Didography 1
Didography 2
Dido Links
Didoleak
AgrippinA
Augustae
The Doubt
Un pupo per AA
Il Naufragio
Cornelio Agrippa
Anneide
Zoraida kiss
'A Barunissa
Odyssey Dawn
BB
Mazonian War 2
Meminisse Iuvabit
Gesù e le Donne
Serici Silices
Nova Humanitas
Misoginia a fumetti
Arkham Horror
Dalila's Gates
Porta di Dite I
Porta di Dite II
Porta di Dite III
Porta di Dite IV
Porta di Dite V
Porta di Dite VI
Ditis clientae
Porta di Dite AI
Porta di Dite AII
Porta di Dite AIII
Porta di Dite AIV
Porta di Dite AV
Porta di Dite AVI
Porta di Dite AVII
Porta di Dite AVIII
Porta di Dite AIX
Porta di Dite AX
Porta di Dite AXI
Porta di Dite AXII
Porta di Dite AXIII

Il tintinnio della Storia

(S.C. - 2005)

Nel 2010, la moneta oggetto di analisi da parte del dott. Salvatore Conte è stata scelta quale simbolo della Queen Dido Conference.La monetazione punica e romana rappresenta una fonte storica di grande significanza per la fondatrice di Cartagine. La "memorable expedition" (William Sharp) di Elissa, ha infatti lasciato un segno profondo nella memoria degli uomini.

Tralasceremo di soffermarci sulle infinite rappresentazioni attribuite a Tanit (quale Suprema Divinità di Cartagine), per evidenziare invece quelle attribuite a Didone, quale Regina e fondatrice di Cartagine.

Per quanto riguarda la tiara frigia qui coniata, si confronti W 1.653 ss. (i doni troiani di Enea).

Si tratta con buona evidenza di una "serie speciale", nella quale Didone compare come ai Libici del IX-VIII secolo, ancora tutta intrisa delle proprie fattezze tirie, diversamente dal tradizionale conio in gusto greco di Didone/Tanit, con cavallo di Cartagine sul retro (che rappresenta il popolo punico, la sua nobile fierezza, ed il sinecismo con quello africano e con i suoi ben noti cavalieri libici).

Qui figura invece un leone, simbolo sacro di Melqart e di Tiro, ovvero della città patria di Didone; siamo cioé alle origini dell'epopea di Elissa, quando ella non si era ancora consacrata Regina di Cartagine, ed un nuovo popolo non s'era ancora formato sotto il suo scettro.

Tale conio fu forgiato in occasione della guerra contro Agatocle, il temibile tiranno greco di Sicilia.  Lo scopo dell'operazione appare piuttosto evidente: raffigurare al nemico il volto originario di Didone, l'invincibilità della Regina e della città da lei fondata, ed interpretare l'evento (attraverso le fattezze troiane) come vendetta storica dell'Oriente.

Inoltre significare ai Greci che i barbari dell'Occidente (così dai primi erano chiamati i Cartaginesi) erano molto più orientali (nel senso di evoluti) degli stessi Greci!

Didone è infatti figura di sintesi suprema tra Oriente ed Occidente (le due dimensioni culturali e geografiche dell'antichità classica, diversamente dalla moderna contrapposizione Nord-Sud).

Inoltre l'identità politica tra il nuovo tiranno Agatocle e quello antico (Pigmalione, il fratello di Elissa), è chiara ed immediata. Così la raffigurazione "tiria" di Didone assume il senso di un monito nei confronti di Agatocle: i suoi scellerati disegni di egemonia saranno vanificati esattamente come quelli di Pigmalione, che vide passare le colonie fenicie occidentali sotto l'influenza di Cartagine, governata dall'odiata sorella; questo è il risoluto intendimento espresso dal popolo di Elissa (rappresentato nel leone), in forma di conio.

Non può dunque sorprendere la risposta greca: si noti infatti la coincidenza temporale tra il conio di questa serie "rievocativa" e la nascita dell'irriverente racconto d'appendice di Timeo (il frammento di Timeo è stato rinvenuto giusto in appendice agli Strategémata del retore greco Polieno - II sec. d.C., opera a carattere anedottico, il cui basso profilo la dice lunga sul prestigio di Timeo).

Tuttavia non va dimenticato che Cartagine acquisiva sempre di più la voracità tipica di un Impero oligarchico, e che tale carattere deteriore aveva chiuso già da tempo l'età elissea, l'epoca d'oro della civiltà fenicia.

Su 40 tipi di monete puniche illustrate dallo Spano in apposita tavola e provenienti da vari ripostigli, 21 vengono da Scano e sono della stessa grandezza con gli stessi simboli, cioè la testa di Didone o di Cerere, da una parte, e il cavallo intero con la palma o la protome del medesimo o tre spighe, dall'altra. Le monete furono coniate in periodi diversi.

da Giovanni Spano, Bullettino Archeologico Sardo (1855)

Head of Dido right, wearing pleated Phrygian tiara / Lion walking right, palm tree in background.

The beautiful female head on the obverse of this tetradrachm is usually identified as Dido-Elissa, a royal refugee from Tyre who founded the city of Carthage in 814 B.C. Her intriguing headdress is a Phrygian tiara, symbolizing an oriental origin. Pierre Strauss once observed that its pleated form recalls a sea shell and is perhaps an allusion to the dye murex for which Tyre was famous. This variety is one of three separate special issues of the Siculo-Punic coinage depicting Dido. Jenkins suggested they may have been struck as presentation pieces for the elite battalion of 2000 citizens that headed the armada sent by Carthage against Agathocles in 314 B.C.

© Antiqua Inc.

Obv. hd female (Tanit (Dido)) wearing oriental tiara (Phrygian type hairdress)
Rev. lion, palm tree in background, Punic legend ScMMHNT

Obv. hd female (Tanit (Dido)) wearing oriental tiara (Phrygian type hairdress)
Rev. lion, palm tree in background, Punic legend ScMMHNT

Obv. hd female (Tanit (Dido)) wearing oriental tiara
Rev. lion, palm tree in background, Punic legend SMMHNT

Obv. hd female (Tanit (Dido)) wearing oriental tiara
Rev. lion, palm tree in background, Punic legend ScMMHNT

 

Obv. hd female (Tanit (Dido)) wearing oriental tiara
Rev. lion, palm tree in background, Punic legend SMMHNT

Quello che invece può in apparenza sorprendere, è che proprio all'interno dell'Impero Romano (quello agonizzante del III secolo d.C.) si cerchi di evocare in luce positiva un personaggio che per secoli si era cercato di vilipendere (Didone).

Le monete qui riprodotte presentano Didone nella sua eletta dimensione regale e divina, cogliendo l'aspetto più autentico dell'epica virgiliana. Il retro della moneta, di solito riservato a figure o allegorie divine, è qui dedicato a Didone. E la stessa matrona imperiale, s'atteggia nell'acconciatura allo stile di Elissa.

E questi sono solo esempi di un più ampio repertorio di conii imperiali dedicati alla grande Fenicia, percepita sempre più come il simbolo unificatore del Mediterraneo; quel vasto brodo primordiale della civiltà umana che Roma unificò con la forza, ma che Elissa raccolse ben prima sotto l'autorità morale del proprio scettro.

Da Settimio Severo in poi sarà tutto un tentativo di riscoprire le vere radici dell'imperialità romana, al fine di opporle alle incombenti minacce, interne ed esterne.

Ma sarà troppo tardi.

Alla distruzione di Cartagine seguirà quella di Alessandria, e sarà il medioevo.

E dopo Timeo, nuovi diffamatori di Elissa si metteranno all'opera. Giustino Giuniano tra questi.

Ma la Storia aveva ormai decretato: non fu Didone la nemica di Roma.

Nemici di Roma furono quelli che avevano respinto - superbi - l'eredità morale della grande Regina del Mediterraneo.

Ed in particolare il pensiero corre ad Ottaviano Augusto.

Non è quindi Didone ad essersi suicidata, ma Roma stessa, e la civiltà classica tutta, che correvano ormai verso l'autoestinzione e l'Editto di Costantino.

In poco più di tre secoli vengono rinnegate quelle radici mitiche (Troia ed Enea), che con tanta pervicacia s'erano fittiziamente costruite.

Il culto di Didone/Tanit, al contrario, sopravvive perfino alla scomparsa della società che l'aveva adottato, e sarà tra gli ultimi culti pagani (in tutto l'Impero) ad estinguersi, e solo in seguito alla devastazione definitiva delle coste africane del Mediterraneo.

Valerian I. 253-260 AD. Radiate, draped and cuirassed bust right /

/ "Dido building Carthage" - Dido standing left holding sceptre and cubit rule;

to the left a mason working on the top of a gateway, below a man digging with a pick.

Julia Maesa, grandmother of Elagabalus and Severus Alexander.

IVL[IA MAI]-SA AVGV, diademed and draped bust right /

/ TYRIORVM above, Dido standing left, holding in right hand a rule

and in left, transverse sceptre before the arched gate of the city of Tyre on left;

above gate, mason at work on a tower, below, man to right digging with pick;

murex shell above, palm tree to right.

Raro esemplare di moneta cartaginese raffigurante Didone con elmo da battaglia

[ © Léo Dubal - copied by permission - do not copy without permission ]

Home
Didone Liberata
DL - Abstract
DL - Préface
DL - Compte Rendu
DL - Atti e Scene
DL - 1.1F
DL - 1.4F
DL - 4.6F
Dido sine veste
Virgil's Dido
Ovid's Dido
Altisidora infera
La Didone
D. Delirante
Contre-Enquête
Contro-Inchiesta
Point de Rupture
A. incriminado
Virgil's Murder
Le prix de l'honneur
Psittacus occidit
La Saga di Enea
Libro Primo
Silio Italico
Didone storica
Fonti
Dido coins
Solky
Didone non è morta
Dido Forum 1
Dido Forum 2
Dido Forum 3
Didography 1
Didography 2
Dido Links
Didoleak
AgrippinA
Augustae
The Doubt
Un pupo per AA
Il Naufragio
Cornelio Agrippa
Anneide
Zoraida kiss
'A Barunissa
Odyssey Dawn
BB
Mazonian War 2
Meminisse Iuvabit
Gesù e le Donne
Serici Silices
Nova Humanitas
Misoginia a fumetti
Arkham Horror
Dalila's Gates
Porta di Dite I
Porta di Dite II
Porta di Dite III
Porta di Dite IV
Porta di Dite V
Porta di Dite VI
Ditis clientae
Porta di Dite AI
Porta di Dite AII
Porta di Dite AIII
Porta di Dite AIV
Porta di Dite AV
Porta di Dite AVI
Porta di Dite AVII
Porta di Dite AVIII
Porta di Dite AIX
Porta di Dite AX
Porta di Dite AXI
Porta di Dite AXII
Porta di Dite AXIII