Home
Didone Liberata
DL - Abstract
DL - Préface
DL - Compte Rendu
DL - Atti e Scene
DL - 1.1F
DL - 1.4F
DL - 4.6F
Dido sine veste
Virgil's Dido
Ovid's Dido
Altisidora infera
La Didone
D. Delirante
Contre-Enquête
Contro-Inchiesta
Point de Rupture
A. incriminado
Virgil's Murder
Le prix de l'honneur
Psittacus occidit
La Saga di Enea
Libro Primo
Silio Italico
Didone storica
Fonti
Dido coins
Solky
Didone non è morta
Dido Forum 1
Dido Forum 2
Dido Forum 3
Didography 1
Didography 2
Dido Links
Didoleak
AgrippinA
Augustae
The Doubt
Un pupo per AA
Il Naufragio
Cornelio Agrippa
Anneide
Zoraida kiss
'A Barunissa
Odyssey Dawn
BB
Mazonian War 2
Meminisse Iuvabit
Gesù e le Donne
Serici Silices
Nova Humanitas
Misoginia a fumetti
Arkham Horror
Dalila's Gates
Porta di Dite I
Porta di Dite II
Porta di Dite III
Porta di Dite IV
Porta di Dite V
Porta di Dite VI
Ditis clientae
Porta di Dite AI
Porta di Dite AII
Porta di Dite AIII
Porta di Dite AIV
Porta di Dite AV
Porta di Dite AVI
Porta di Dite AVII
Porta di Dite AVIII
Porta di Dite AIX
Porta di Dite AX
Porta di Dite AXI
Porta di Dite AXII
Porta di Dite AXIII
Porta di Dite AXIV
Porta di Dite AXV

Resa dei conti nel canyon della morte

RESA DEI CONTI

NEL CANYON DELLA MORTE

di Salvatore Conte (2004)

I. PIOMBO CALDO PER LA SBOTTONATA

II. ANNA DI FRONTE ALLA MORTE

III. GLI ULTIMI SUSSULTI DI ANNA, LA SBOTTONATA

IV. LO SCERIFFO JONES

V. ALLA RICERCA DI UN PRETE

VI. DUE CADAVERI IN PRIMA PAGINA

VII. TRAMONTO DI UNA LOCANDIERA

VIII. RICORDANDO ANNA

IX. DOC RED AL CAPEZZALE DI ANNA

I

PIOMBO CALDO PER LA SBOTTONATA

Anna si era molto appesantita con l'età che avanzava, ma non per questo appariva meno provocante di un tempo.
Quel giorno, però, andò male per lei.
Voleva oro per sistemarsi: trovò solo piombo caldo.
La spietata Rosi fece fuoco da distanza ravvicinata. Anna si frapponeva a Gary, e venne raggiunta in pieno stomaco.

Con un'eloquente espressione nel volto, la bella sbottonata si piegò sulle ginocchia e poi stramazzò faccia avanti nella sabbia.
Gary non poté fare nulla per lei, ma sapeva di doverle la vita.
Un nuovo sparo fece fuori Rosi.
Gary poté quindi chinarsi su Anna Frazer.
La voltò.
Un'ampia macchia scura sulla camicia rosa indicava la micidiale ferita.
Anna respirava ancora. Lo sguardo ansioso si fissò su Gary, che la guardava con commiserazione.
Quello sguardo sconvolse Anna ancor più della sua ferita.
Per lei lo sguardo sconsolato di Gary era come una sentenza di morte.
La bella Anna gonfiò il petto, e con un gemito nervoso cercò di convincere Gary ad aiutarla.
Poco dopo arrivò anche Bill, e anche lui scosse la testa: colpita in pieno. Per lei non c'era più molto da fare.
Si poteva cercare di portarla in città, ma vi sarebbe giunta cadavere.
Anna, tuttavia, non era tipo da rassegnarsi facilmente. Abituata a sedurre gli uomini, gonfiò ancora la camicia col procace seno cadente.
La sbottonata doveva fare i conti con una brutta pallottola sepolta nelle proprie viscere. Il suo pallore non lasciava presagire nulla di buono, anche se da un tipo come Anna Frazer ci si poteva aspettare di tutto, colpi di coda compresi.
Lasciamo ora la bella locandiera al suo destino e spostiamoci a osservare lo Sceriffo con i suoi uomini.
Ignari della sparatoria che aveva portato alla morte di Rosi e che aveva coinvolto anche Anna, continuavano a dirigersi verso il canyon della morte.

II

ANNA DI FRONTE ALLA MORTE

Per Anna era il momento più difficile della propria vita. Le forze scemavano, la vita l'abbandonava, e lei poteva fare ben poco. Voleva ribellarsi, gridare aiuto, poteva dimenarsi, ma la pallottola rimaneva sepolta dentro di lei, e le stava togliendo la vita.
La Frazer era sconvolta. Non si staccava un attimo da Gary, mostrandogli la maliziosa scollatura che la camicia sbottonata lasciava trapelare.
Poco sotto il fatale buco nella pancia.
Anna s'illudeva che le sue forme procaci l'avrebbero salvata, commuovendo Gary.
Ma il pistolero la guardava senza troppo entusiasmo. Bill se n'era già andato. E l'agonia della Frazer si stava allungando.
Decise di parlarle.
«Anna... sei ferita gravemente...».
«Lo so...».
«Vuoi che ti porti da un dottore?».
«Mi aiu...terebbe...?».
«Non lo so, dannazione...

Ti prendo da bere».
Poco dopo Gary tornò con del whisky per la povera Anna.
La sbottonata bevve avidamente per scaldarsi un po'.
«Hai... mai... pensato... di rifarti... una vita... con me...?», chiese la locandiera, con voce biascicata; curiosa domanda per una donna che portava sul volto la propria morte. La Frazer, però, non voleva pensare alla fine e faceva progetti.
«Sì, mi piaci, ma dobbiamo ancora trovare un dottore».
La situazione, tuttavia, sarebbe precipitata molto prima...

III

GLI ULTIMI SUSSULTI DI ANNA, LA SBOTTONATA

Mentre Gary si sforzava di trovare una soluzione per Anna, cercando di farla arrivare da un buon chirurgo, la sbottonata cominciò ad affannare, non riuscendo più a respirare a sufficienza.
La Frazer si rese conto di quello che stava accadendo e spalancò la bocca per ingoiare più aria possibile.
Sembrava un grosso pesce che moriva sulla terraferma. Anche Gary capì che era finita. Niente colpo di coda per la bella locandiera.
Anna cercò, disperata, di avvinghiarsi al pistolero, ma il capo ricadde all'indietro, prostrato.

La donna emise quindi un gemito sinistro e rimase a bocca spalancata con gli occhi erranti che cercavano di fissarsi su qualcosa.
Nonostante la sua ostinata voglia di vivere, la calibro 45 di Rosi l'aveva stroncata.

IV

LO SCERIFFO JONES

Mentre Anna spirava, lo Sceriffo Jones era in rapido avvicinamento.
Poteva già vedere distintamente gli avvoltoi che volteggiavano intorno ai corpi di Rosi e Anna.
Bill se n'era andato. Gary stava per farlo. Raccolse in fretta l'oro e si preparò a montare in sella.

Alle sue spalle si udì un rantolo.
«G...a...r...y...».
Anna non aveva ancora tirato l'ultimo respiro, ma era inutile compatirla. La sua sorte era segnata.

E Gary, dopo un ultimo sguardo, la abbandonò in fin di vita.

Forse avrebbe dovuto finirla, ma non se la sentì di far fuoco sulla sbottonata morente.

V

ALLA RICERCA DI UN PRETE

Lo Sceriffo Jones arrivò poco dopo, scacciando gli avvoltoi che si avvicinavano ai corpi delle due donne a terra.
Era un tipo molto religioso, e quando vide Anna che stava esalando l'ultimo respiro, inviò un suo attendente in città con il compito di trovare un prete. Non un medico, ma un prete.
Ad Anna, invece, del prete non importava un accidente. Avrebbe preferito un ultimo bacio da Gary, ma lui se n'era andato senza toccarla, spaventato dal suo aspetto cadaverico.
Anna era pallida come uno spettro, il volto teso in una maschera sgradevole, tremava di freddo, e si sentiva soffocare. Non aveva più tempo
per capire cosa accadeva: cercava solo di respirare finché poteva.
Jones cercò di farle qualche domanda, ma dovette ben presto arrendersi: Anna lo
fissava con lo sguardo impaurito dalla morte imminente, e non biascicava che qualche suono gutturale; era l'ombra della donna autorevole di poco prima; prima di quella dannata pallottola che l'aveva rovinata.

VI

DUE CADAVERI IN PRIMA PAGINA

Appena l'attendente dello Sceriffo giunse in città, si sparse la funesta notizia che Anna Frazer, la bella locandiera, aveva perso la vita in una sparatoria.

Molto il rammarico tra chi la conosceva e molto anche il gusto macabro di chi chiedeva dettagli sul fatto.

Fu fatto un telegramma a un importante giornale e subito nacque un titolo scandalistico.

Insieme all'aiutante, ripartirono un fotografo e qualche amico della Frazer; il prete non si fece trovare.

Il dottore della città chiese se c'era più niente da fare, ma il Vicesceriffo disse che Anna stava rantolando quando lui se n'era andato da lì.

Il dottore, a questo punto, che conosceva molto bene la matura ma ancora intrigante Frazer, chiese di aggiungersi al gruppo.

VII

TRAMONTO DI UNA LOCANDIERA

Intanto lo Sceriffo Jones teneva tra le braccia il corpo della Frazer.

I seni ormai rigidi si profilavano sotto la camicia sbottonata; al centro della pancia la macchia scura che la condannava.

Anna non moriva certo con facilità. L'anima rimaneva legata al corpo, da cui ancora emanava un alito di vita, benché gli occhi della donna roteassero sperduti e senza speranza.
La bocca era sempre spalancata. Il tramonto della bella locandiera era sofferto. Lo Sceriffo pensò a quando la vedeva sicura di sé, con la camicia sbottonata, ancora fiera delle proprie forme, nonostante gli anni che avanzavano.

Ora la teneva in braccio per darle un po' di calore, a lei sventurata, che spirava senza forse meritarlo del tutto. Certo frequentava giri torbidi, ma doveva per forza prendersi quel tipo di pallottola?
La Frazer era un personaggio nella sua cittadina, e la sua morte si sarebbe fatta notare.
«Anna... puoi sentirmi? Chi ti ha ridotto così? Chi ti ha sparato?

Lo prenderemo...», disse lo Sceriffo alla locandiera agonizzante.
Anna senti una voce da molto lontano. Si sforzò di capire e di rispondere. Cercò di portare lo sguardo sullo Sceriffo.
Ma lei sapeva di avere poco tempo, così preferì vendicarsi di Gary che l'aveva abbandonata.
«Ga...ry... mi... ha...».
Poi il capo ricadde stremato all'indietro e più nulla uscì dalle labbra della bella Anna, che assunse un'espressione terrorizzata, come se vedesse la morte ancora più vicina.
«Quell'infame di Gary ha sparato per ucciderti. Ti ha colpito in pieno stomaco, dannazione. Lo impiccheremo».
Anna non aveva mostrato molta dignità in quella circostanza.
Anche se il pistolero l'aveva abbandonata gravemente ferita, lei sapeva di essere ferita a morte e non poteva pretendere che Gary la portasse con sé.
Anna non si rassegnava mai, questo era ora il suo cruccio. Aveva perso, aveva incassato una calibro 45 là dove non doveva, ma ancora s'affannava a spalancare la bocca per tirare più respiri possibili.
Il suo sforzo non passava inosservato allo Sceriffo, che non era certo contento di vederla morire così.

VIII

RICORDANDO ANNA

Intanto Gary pensava ad Anna. L'aveva lasciata, sì. Ma gli sembrava che fosse ancora lì a guardarlo sconsolata. La sosteneva tuttora un alito di vita? Difficile. Rosi sapeva sparare. E la voleva morta.
Anna Frazer, la sbottonata senza tempo. Superati i 50, nessuno si chiedeva più quanti anni avesse. Eppure era un monumento. Ancora pungente.
Si erano amati, certo. Ma l'oro li aveva divisi. E il piombo aveva stroncato l'unica donna che lo mettesse in soggezione.

"Non potevo fare niente per lei", si ripeteva Gary.

Ma sapeva che non era così. Poteva farla morire con un po' di passione, di sostegno, ricordando quando si erano amati, anche se per poco.

Ormai, però, era troppo tardi.

Il volto pallido di morte della Frazer non lo lasciava un istante.

IX

DOC RED AL CAPEZZALE DI ANNA

Intanto Doc Red era arrivato.

Subito fu portato dalla donna. Lui l'aveva sempre inseguita, lei sempre respinto.

Le tamponò la ferita come meglio poté e la imbottì di stimolanti per allungarle la vita. Di quanto nessuno poteva saperlo, ma di certo non per molto.

Il fotografo la ritrasse avidamente, ormai cadaverica, ma sempre splendida e attraente.

E ritornò di corsa in città per far pubblicare le foto.
Anna, la sbottonata, in fin di vita: un vero scoop!

Lettore, se vuoi conoscere l'attrice che ha ispirato questo racconto, clicca qui.

Il racconto è un tributo alla sua bellezza, carisma, personalità.

Gli aspetti negativi sono introdotti per mere esigenze di ordine drammatico, narrativo, teleologico.

Il ruolo della protagonista va assimilato a quello dell'attrice rispetto a un film.

La devozione alla persona in questione, da parte dell'autore empirico, è implicita e assoluta.

Home
Didone Liberata
DL - Abstract
DL - Préface
DL - Compte Rendu
DL - Atti e Scene
DL - 1.1F
DL - 1.4F
DL - 4.6F
Dido sine veste
Virgil's Dido
Ovid's Dido
Altisidora infera
La Didone
D. Delirante
Contre-Enquête
Contro-Inchiesta
Point de Rupture
A. incriminado
Virgil's Murder
Le prix de l'honneur
Psittacus occidit
La Saga di Enea
Libro Primo
Silio Italico
Didone storica
Fonti
Dido coins
Solky
Didone non è morta
Dido Forum 1
Dido Forum 2
Dido Forum 3
Didography 1
Didography 2
Dido Links
Didoleak
AgrippinA
Augustae
The Doubt
Un pupo per AA
Il Naufragio
Cornelio Agrippa
Anneide
Zoraida kiss
'A Barunissa
Odyssey Dawn
BB
Mazonian War 2
Meminisse Iuvabit
Gesù e le Donne
Serici Silices
Nova Humanitas
Misoginia a fumetti
Arkham Horror
Dalila's Gates
Porta di Dite I
Porta di Dite II
Porta di Dite III
Porta di Dite IV
Porta di Dite V
Porta di Dite VI
Ditis clientae
Porta di Dite AI
Porta di Dite AII
Porta di Dite AIII
Porta di Dite AIV
Porta di Dite AV
Porta di Dite AVI
Porta di Dite AVII
Porta di Dite AVIII
Porta di Dite AIX
Porta di Dite AX
Porta di Dite AXI
Porta di Dite AXII
Porta di Dite AXIII
Porta di Dite AXIV
Porta di Dite AXV