L'ultima missione di 043

Non tutte le pallottole vengono per nuocere

Boomerang rosso sangue

Roma violenta

La morte che uccide

Chi ha ucciso la Numero 80?

Lo Sceriffo

Fata Morgana, la morte segue la tua ombra

L'ultima MISSIONE dI 043

di Salvatore Conte (2024)

La missione di Anna in quel di Malta era ormai conclusa.

Anche stavolta gli ordini erano stati eseguiti.

Sembrava tutto complicato fino a pochi giorni prima, ma l'Agente 043 non sarebbe stata classificata come uno dei più affidabili freelance al mondo (agenti con licenza temporanea di uccidere), se i suoi standard non fossero stati questi.

D'altra parte, certo non le nuoceva rientrare nella casistica delle vecchie puttane disponibili al servizio privato, oltre che segreto; anche se una come la Frezzante non poteva fare statistica.

Dissimulata come una tranquilla impiegata, piacevolmente ingrassata, dalla faccia e i modi simpatici, nascondeva in realtà una mente fredda e analitica, e via-via messasi in luce, era divenuta una sorta di punto fermo nell'esclusivo giro del targeting globale.

Si narrava nei salotti per bene che il suo sogno segreto fosse quello di diventare famosa, importante e temuta come James Bond, l'Agente 007 del servizio segreto britannico. In ogni caso intendeva sedurlo e dominarlo, in sostanza fargli da succuba.

Potevano sembrare due progetti folli, ma almeno il secondo non così campato in aria, a parte il poco tempo rimasto per portarlo a termine.

Nel giro si diceva che Bond avesse messo gli occhi sulle sue foto, e che fosse rimasto colpito dalla carne grassa, i camicioni sbottonati e l'aria da immortale, suffragata dalle pallottole davvero brutte digerite in Libano.

Si diceva anche che fosse stanco di fare il donnaiolo e cercasse un grosso donnone, anche stagionato, per mettersi a posto per sempre.

Da qui l'interesse per Anna Frezzante e la sua storia (era stata capace di gestire diverse pallottole nella fallita missione in Libano); e in particolare per la sua aria da mignotta di classe, le tette di lusso e il grasso extra che conferiva imponenza alla figura e riempiva bene il famoso, ormai iconico camicione; nel numero di licenza della Frezzante c'era chi intravedeva una curiosa corrispondenza proprio con quello: 4 erano infatti i bottoncini tenuti lenti, 3 quelli chiusi, in una sorta di alchimia dei bottoncini, finalizzata a mostrare non troppo segretamente due belle tette da bagascia, un passepartout prezioso in diverse missioni.

Seduta a gambe incrociate, si accese una sigaretta e si lasciò affondare nel morbido schienale del divano.

Indossava il tipico camicione, sbottonato aggressivamente nel solito modo: le piaceva molto dare nell'occhio e in testa; e poi farsi credere una banale puttana di lusso la metteva al sicuro.

Tossì convulsamente, sbavando sangue.

Non era mai riuscita a smettere.

Stizzita, smorzò la sigaretta nel posacenere. Ne aveva per poco, meglio non concedersi certi lussi.

Dopo l'ultima aspirazione, i polmoni si stavano di nuovo riempiendo di liquido.

Ogni due settimane le aspiravano dai quattro ai cinque litri di versamento pleurico.
Ormai era allo stadio 4, quello terminale.
Le metastasi potevano colpirla ovunque.
Presto avrebbe verificato con una tac completa.

Eppure lavorava ancora. Un po’ per distrarsi, un po’ per raccattare gli ultimi soldi; secondo qualcuno, per prendersi la pallottola giusta e chiudere i giochi con un gran finale tragico, prima di dover marcire attaccata a qualche tubo.

Chi la conosceva abbastanza, raccontava però che Anna non si fosse ancora arresa.

Forse lo faceva per mettersi in mostra con James. Avrebbe certamente saputo della sua missione.

Doveva dimostrargli di non essere finita e di essere l'unica donna adatta a lui.
Monica le versò dello scotch. La vecchia zoccola dai capelli corvini le era stata imposta dal committente.

«Sei okay?».
«Un po’ stanca, ma sono okay».
«Non ti andrebbe di uscire?».
«No, preferisco dormire presto.
Buonanotte, dolcezza», la Frezzante si alzò e si ritirò nella propria stanza.

Lei e Monica occupavano una suite.
Poco dopo anche la seconda si diresse verso la sua camera.
Non per dormire, però.
Innestò il silenziatore e rimase in attesa sotto le lenzuola.
Fece passare un’ora buona, poi tornò furtiva nel salotto della suite; le avevano insegnato di rimanere fredda in qualunque circostanza, ma l’idea di eliminare un obiettivo così importante nel giro le dava letteralmente alla testa: le tempie le ronzavano, una goccia di sudore si staccò dalla fronte e ricadde sul petto, depositandosi sulle grosse tette che le increspavano la canotta nera...

Quello che doveva fare lo sapeva.

In fondo le avrebbe fatto un piacere.
Silenziosa e letale, aprì lentamente la porta di Anna…
(FLOP)

(FLOP)
Quindi accese la luce...
E scoprì che aveva eliminato solo un paio di cuscini...!

Delusa, si preparò a ricevere la reazione dell'obiettivo; dopo mezzo secondo, infatti, si sentì afferrare alla gola: «Brutta puttana… t’ammazzo…!», le ringhiò sul collo Anna, facendole mollare la pistola.
La mitraglietta uzi della freelance italiana era sul comodino, con il silenziatore innestato.

Monica cercò di divincolarsi.

Ne scaturì una lotta selvaggia, nella quale sembrò prevalere l’istinto femminile, piuttosto che l’addestramento tecnico delle due professioniste.
043 si trovò di fronte una resistenza imprevista. Benché massiccia ed esperta, pagava lo scotto della sua malattia.
Entrambe le donne puntavano ad afferrare la uzi: con quella avrebbero chiuso la partita a proprio favore. Non avrebbero fatto sconti all'avversaria.
Due mani si chiusero ansiose sull’arma, sebbene non appartenessero alla stessa persona.
(FFFFFFFRRRRRRR)
Una raffica accidentale partì in direzione del letto. Le condizioni dei cuscini si aggravarono grandemente.
«Bastarda… t’ammazzo come una cagna…», minacciò ancora Anna.
Le pareti insonorizzate della suite attutivano i rumori della lotta.
Monica non rispondeva alle minacce, si sentiva più forte, non aveva paura.
Poi, d’improvviso, la lotta che imperversava da diversi minuti si risolse in una frazione di secondo: la possente Monica si liberò di Anna e riuscì ad agguantare la mitraglietta.

La Frezzante si guardò intorno, disperata. Non aveva vie di fuga.
Quindi fissò la canna bombata della uzi, puntata contro di lei...
«È finita per me, vero?», domandò secca, ormai rassegnata al peggio.
«Sarà veloce, te lo prometto», rispose fredda Monica.

«No..! Aspetta...! Dimmi perché!», la paura negli occhi della Frezzante, e quella curiosità finale, tutta femminile.

Ma non ci furono né pietà, né risposte.
(FFFFFFFRRRRRRR)

Monica le scaricò addosso tutto quello che rimaneva nel serbatoio.
Una bella dose di piombo; per una come Anna ci voleva tutta.
La Frezzante fu scossa dai ripetuti impatti che la bersagliavano,
sussultando a lungo, come fosse rimasta attaccata alla presa della corrente, nonostante in realtà si trattasse di pallottole, pallottole ad alto potere di penetrazione; a causa della sua stazza possente, tuttavia, rimase in piedi per alcuni secondi, indietreggiando di un paio di passi, con le braccia larghe e scomposte. Una specie di ballo involontario, molto macabro, con gli occhi sbarrati dallo shock, esterrefatti per la crudele condanna.
Finita contro il muro, le gambe cedettero e 043 scivolò di schiena lungo la parete, spalmandovi sopra delle terrificanti scie di sangue.
Quindi atterrò sul sedere e così rimase, con la bocca spalancata, gli occhi fuori dalle orbite e gli stivaloni che sfregavano la moquette, scaricando d'istinto l'enorme tensione nervosa.
Monica se la guardò soddisfatta: non poteva ancora credere di avere eliminato la famosa Anna Frezzante, licenza n. 043!
Poi, come destandosi da un sogno a occhi aperti, realizzò che il suo obiettivo respirava ancora.
Le aveva sparato addosso una dozzina di colpi...
Recuperò la sua pistola e si avvicino all'italiana.
Un ghigno nevrotico affiorò sul volto di 043: Anna continuava isterica a sfregare il pavimento, ormai  in preda al panico, sapendo che la fine poteva sorprenderla da un momento all’altro.
Monica osservò le ferite, contando nove buchi: nessuna pallottola, però, l’aveva fulminata, il cuore era illeso, la mente ancora presente; ecco perché respirava.

In ogni caso ne aveva per poco.
«Il lavoro è lavoro, niente di personale, bella, lo sai.

Ma sei tu che devi dirmi come hai fatto a capire...».
Anna affannò convulsamente.
Poi, con una vena di follia nello sguardo, tirò fuori la lingua…
Gli occhi languidi fissavano Monica…
La donna rimase perplessa.
«Allora, vuoi dirmelo?».
Anna non cambiò atteggiamento.
La lingua slabbrava…
Monica cominciò a sudare. Anna le piaceva da morire… era una gran donna... e non si era arresa nemmeno di fronte a un male incurabile... e a una raffica di piombo come quella...

Sotto un impulso incontrollabile, ritornò dal bagno con un asciugamano e tamponò l’addome sanguinolento dell'italiana, bloccandole le gambe: «Stai calma...».
Monica non si era sentita così in subbuglio nemmeno durante la lotta di pochi attimi prima.
Scrisse un messaggio e attese la riposta.

"Stai per ammazzarmi?", sembrò chiederle - con gli occhi - la potente Anna Frezzante, intontita a causa della poca aria che le arrivava al cervello.

Anna era come un castello di carte che poteva crollare al primo alito.

"Per il momento, no", le rispose, scuotendo il capo.

Monica toccò il vertice della follia quando si mise a leccare il sudore freddo di Anna, che si incuneava nel camicione allentato, da grandissima puttana..

«Perché hai puntato troppo forte e troppo in alto: eri diventata un pericolo».

Una risposta che giungeva ovattata alla stordita mente di Anna.

L'uccello di Bond un boccone troppo grande: forse sarebbe stato meglio essere chiari, in un'occasione come quella.

«Era... la... mia... u-ultima... mi-missione...», i penosi rantoli della morente, che però, in fondo, era stata vicina a far centro...

[Autorizzata].

Monica alzò gli occhi dal cellulare e pressò con più convinzione l'asciugamano.

Pochi minuti dopo un’ambulanza trasportava all'ospedale, in un bagno di sangue, l'agonizzante Anna Frezzante, Agente 043.

Nel giro è consentito chiedere un break per il nemico che si è battuto bene.

Un codice di sopravvivenza per non sfoltire troppo i ranghi della categoria; alla maniera dell'antico pollice retto.

E la vecchia gladiatrice intanto prendeva tempo e si attaccava all'ossigeno: poi sarebbe venuto il tumore e infine lui.

In fondo, a Malta, era stata la sua quartultima missione.

Non tutte le pallottole

vengono per nuocere

di Salvatore Conte (2024)

George arrivò puntuale, ma il socio, Patrick, non apriva.
Insistette ancora, poi lo chiamò al cellulare; infine si avvicinò alla finestra del soggiorno.
Fu allora che lo vide riverso sul divano, in chiara difficoltà: ecco perché non rispondeva…
Forzò la finestra ed entrò da lì; prima di occuparsi dell’amico, fece entrare anche Janet, aprendole la porta.

George era infatti in compagnia della sua donna, una costosa bagascia da cui s'era fatto prendere la mano; imbolsita rispetto agli anni migliori, rimaneva pur sempre una gran puttana col fascino della vecchia troia, e lui non poteva farne a meno; spendeva molti soldi per mantenerla in tiro e allentata, sempre sbottonata per lui e per i suoi amici, se pagavano bene. Aveva puntato forte su di lei.

Patrick si era beccato un’indigestione di piombo caldo ed era messo piuttosto male; poiché era socio al 50% con George, la faccenda interessava anche lui.
Cercò quindi di metterlo seduto e di farlo parlare.

La cosa sembrò spazientire la sua donna, la sbrigativa Janet Frehx, un puttanone sfondato che superava allegramente i 50, che non perse l'occasione di mettersi in mezzo, in maniera alquanto petulante: «Non vedi che il tuo amico è fottuto? Vuoi fargli compagnia all’inferno, George? Dobbiamo andarcene via subito, capisci? Questi bastardi potrebbero tornare e farci fuori. E io non voglio rimanerci secca, capito? Per quanto ancora vuoi imboccare questo imbecille?».
«Chiudi quel cesso di bocca! Parli proprio tu che senza di me saresti finita in una fogna?», George cominciava a essere stanco dei suoi capricci; glielo tirava, però non doveva esagerare.
Janet lo ignorò: «Ho io la cura che fa per lui, George…».

Con un'espressione malata, allucinata, sul volto da vecchia cessa, la cinquantenne estrasse dalla borsetta una calibro 38 e la puntò contro Patrick.
«Non farlo, Janet», l'ammonì George.
«Perché, altrimenti cosa fai?», rispose stizzita la vecchia bagascia, mentre era pronta a far fuoco contro Patrick.
Stava premendo il grilletto…
«Altrimenti ti buco la pancia, Janet».
La donna, sicura del fatto suo, si mostrò indifferente alla minaccia e rimase a fissare Patrick, mantenendo l’arma puntata contro l’uomo gravemente ferito e seduto precariamente sul divano.
Un guizzo omicida le balenò dagli occhi.
George comprese da quello sguardo che non si sarebbe fermata…
STUMPF

STUMPF
Due pallottole calibro 45 raggiunsero la donna in pieno addome!

Il mignottone cadde sulle ginocchia con lo sguardo allibito: «Come hai potuto... mi hai fottuto…».
«Ti avevo avvisato, Janet...», fu la fredda risposta di George, che si era ormai stancato di quella grossa troia.

La donna cercò di riorganizzare i pensieri. Si era fatta fregare come una stupida. Era sicura che George non l’avrebbe toccata, e invece le aveva piazzato addosso due pallottole.

Il troione si sentì perduto, lui sembrava indifferente.

Janet mollò la calibro 38. George, a quel punto, non avrebbe esitato a spararle ancora, a freddarla, se necessario.

Quindi crollò sul fianco e rimase a contorcersi sul pavimento, con entrambe le mani a tamponare i buchi in pancia.

Un sinistro rivolo di sangue le colava dal labbro.

«Ben fatto… George… era una puttana… spremuta... finita...», infierì Patrick.

«Non era finita...», l'eccessivo livore sugli anni di Janet lo irritava.

Si controllò.

«Ora veniamo a te, amico mio. Raccontami tutto, poi andremo all’ospedale».

A fatica, tra molti stenti, Patrick ricostruì i fatti.

George rimase a pensare in disparte.

Si era completamente dimenticato di Janet e solo in quel momento realizzò che la sua donna aveva smesso di lamentarsi e singhiozzare come una scrofa al macello.

E che nel soggiorno non c’era più.

Motivo in più per sbrigarsi, pensò George…

STUMPF

Si portò alle spalle del suo socio e lo freddò con un colpo alla testa.

Tanto non sarebbe sopravvissuto. In fondo aveva ragione Janet.

Ora poteva occuparsi di lei.

Non fu difficile seguire la scia di sangue che s’era lasciata dietro, strisciando sul pavimento della casa, ventre a terra.

Era riuscita a spingere la porta e a uscire all’esterno…

George si fermò sull’uscio: Janet era arrivata a pochi metri dalla sua auto, in sosta sul piazzale della villetta.

Lì s’era fermata.

George la osservò dalla porta di casa: era immobile, con la faccia affondata nel ghiaietto.

Aveva raccolto le forze e si era illusa di poter trovare una via di scampo: c'era tutta la sua Janet in quell'azione, disperata e arrogante insieme.

Vedendola sconfitta e ormai cadavere, l’uomo ebbe un sussulto, un moto di rimpianto.

Janet era ancora un donnone, poteva durare altri anni; non per niente se l’era messa vicino senza badare a spese…

Non era ancora finita la sua Janet. Tuttaltro.

C’era andato giù troppo pesante.

Lei aveva cercato una via di scampo. Fino all’ultimo. Ma non l’aveva trovata…

George si avvicinò alla sua donna e ne rovesciò il corpo.

Janet era supina adesso: il volto stinto in un pallore cadaverico, la bocca socchiusa, le braccia inerti; e due occhi chiari che lo fissavano con inappellabile lampo di condanna, quasi a fulminarlo, se solo avessero potuto…

Ancora non aveva capito se fosse viva o morta. Allungò il braccio, toccandole la carotide: respirava, ma debolmente, non ne aveva per molto.

George fu scosso dal rimpianto.

“Come hai potuto, mi hai fottuto”, gli aveva detto, un attimo dopo gli spari.

Aveva capito subito che era finita; anche se c'aveva provato fino all'ultimo.

Il rimpianto cresceva di secondo in secondo, ora che la sua donna stava crepando.

George non resistette più. La prese tra le braccia e cercò di scuoterla.

«Janet... mi dispiace...», e le fece ingurgitare un cicchetto di whisky.

La donna mugolò dall'oltretomba della sua disperazione.

«Okay... non sforzarti, tesoro. Non è ancora finita. Hai sbagliato a provocarmi, ma ti amo lo stesso. Adesso ti porto da un dottore, dal migliore. Da Jenkins…».

Il dottor Jenkins era un chirurgo che non faceva troppe domande; ed era anche molto bravo; ma costava un occhio della testa.

La caricò in macchina, sul sedile anteriore; quindi si diresse verso la clinica.

Imboccò una curva verso destra ad alta velocità e il corpo di Dara gli si afflosciò addosso. Superata la curva, se la scrollò di dosso senza tanti complimenti: la testa della donna andò a sbattere contro il finestrino.

«Cristo... reggiti, Janet! Non farti fottere, troia... io non ci credo che ti fai fottere!».

Passarono un paio di minuti e George accostò a destra, portandosi all’interno di un’area per la sosta, buia e isolata. Si fermò a osservare la sua donna. La clinica di Jenkins era dietro l’angolo, ma quanto gli sarebbe costato? Era necessario spendere tanta grana per quella puttana?

Alterni pensieri confliggevano tra loro nella mente sovraeccitata.

La suoneria del cellulare lo distolse: una chiamata anonima, solo un paio di squilli, George non rispose.

Ormai aveva deciso.

«Ascolta, pupa… il tuo fascino da mignottona mi piace un sacco, lo sai…

Ma temo che per te sia finita, bellezza».

E le premette la canna della calibro 45 contro il fianco.

Janet trasalì atterrita.

«Prima… l’ultima pompa…», ebbe l'intelligenza di prendere tempo.

«E perché no? Tu me lo tiri anche da morta, Janet...».

La  calibro 45 rientrò nella fondina ascellare, mentre la pistola di George entrava nella bocca della donna.

L’uomo si sentì cullare dalla delizia di quel servizio senza eguali; l’ultimo atto della sua bella puttana.

Quando Janet sentì che il culmine stava per arrivare, si infilò la mano nella tasca dei pantaloni… e si sfilò di bocca...

POW

Gli sguardi si incrociarono…

POW

George si piegò in avanti, come a cercarle la fica.

Improvvisamente una moto di grossa cilindrata con due persone in sella affiancò l’auto e un’automatica silenziata fece esplodere il finestrino di guida: un attimo dopo la canna della pistola era all’interno dell’abitacolo.

«Ho interrotto qualcosa?», lo sconosciuto si presentò così. «Ehi, George, non riesci proprio a staccarti dalla tua bella puttana, vero?».

Il sicario, che indossava un casco integrale, aprì lo sportello e separò il corpo di George da quello di Janet: l’uomo aveva un buco al cuore e un altro nel basso ventre, entrambi prodotti da un’arma di piccolo calibro; la donna aveva due buchi in pancia e stringeva nella mano una derringer ancora fumante.

A dare una lezione a Patrick c'avevano pensato i ragazzi, prima che loro piombassero su George, il più pericoloso.

«Chi ti ha sparato?».

Janet era terrorizzata.

«Non farlo… non ho visto niente… ti prego…», e lasciò cadere la derringer, come se fosse ancora carica.

«Ti ho solo chiesto chi ti ha sparato…», in tono fermo e rassicurante.

Lei indicò con un flebile movimento del braccio il cadavere di George.

«È per questo che lo hai ammazzato?».

Annuì.

«Ti prego… non uccidermi…», col sangue alle labbra, come se non fosse già morta.

Avrebbe implorato ancora, ma non ne ebbe il tempo.

«Farò estrarre i tuoi proiettili, e se apparterranno alla pistola di questo infame, allora sarai salva; ma se mi hai mentito, verrai eliminata...», sentenziò l’uomo con il casco.

Un attimo dopo fece capolino il suo compagno di sella, anch’egli travisato: «E della donna che ne facciamo? Non va liquidata?».

«Non è necessario. È pulita, la prendiamo noi. È una vecchia troia, ancora importante e con un certo prestigio. Ci farà comodo.

La clinica di Jenkins è proprio qui dietro; forse è lì che stavano andando, prima che George decidesse di farla finita.

Ma dobbiamo muoverci.

Hai capito, bella? Le pallottole che hai in corpo possono ucciderti, ma anche salvarti…».

«E il conto di Jenkins chi lo paga?», obiettò il compagno.

«Se lo pagherà da sola, è un bel pezzo...», fu la tranquilla risposta di Billy Hudson, socio dell’azienda a cui la “George & Patrick” aveva fatto concorrenza sleale.

Un paio d’ore dopo, due pallottole calibro 45 venivano estratte dal corpo di Janet Frehx; furono portate a Billy, il quale ne constatò l’eguaglianza con quelle rimaste inesplose nella pistola del defunto George.
«Per me è assunta, ti sta bene?».
Seguì un'alzata di spalle.
«Però è curioso... se quel bastardo di George non le avesse sparato, l'avremmo liquidata insieme a lui...».

«Forse sì, forse no, Jack; certo ce l'ha resa più simpatica.

Dal suo punto di vista è stato un curioso colpo di fortuna.

Lo sai come si dice in questi casi...?».

BOOMERANG ROSSO SANGUE

di Salvatore Conte (2024)

Avevano pensato a tutto, fuorché all’essenziale.

Spinta alla follia la loro vittima, la follia stessa stava per tornare all'origine, come un boomerang.

Ormai Monica era impazzita, ma anziché abbassare la testa, aveva alzato la pistola.

Era una Kel-Tec calibro 38, con caricatore da sei colpi: una delle più piccole pistole al mondo, ultra-leggera, ma devastante a distanza ravvicinata.

Un’arma difensiva, concepita per le donne.

Era infatti una mano di donna quella che l’impugnava.

Burt era sorpreso, ma non perse la sua sicurezza: «Tu ora mi darai quella pistola… Monica…».

Si avvicinò di tre passi, lentamente.

Forse fu proprio quel modo infantile di chiamarla, quello sminuirla, quel sottovalutarla, che fece definitivamente esplodere la sua ira…

BANG

Burt si irrigidì, sbigottito.

Un attimo dopo crollava in avanti, fulminato.

Era stato raggiunto al cuore.

Lo sguardo di Terry si riempì di terrore. Ora sarebbe toccato a lei. E da cacciatrice, non era abituata a essere preda.

Ambiziosa e tracotante, forte di una bellezza intossicante, si sentiva la numero uno incontrastata, sebbene avesse sposato un perdente.

«Calmati, Monica… tu non lo farai… abbassa la pistola... ti prego…».

Ancora ordini, ancora presunzione, inganno...

Quella bellezza così arrogante... di fronte a lei... alla canna della sua pistola... ridotta quasi sul lastrico...  alla sua mercé...

E poi quella paura mortale negli occhi... così piacevole da gustare... una scintilla fatale nella mente combustile...

Monica la fissò dura, stava per sparare ancora…

«No, Monica... no!», l'ultimo, disperato tentativo.

Non appena Terry ebbe finito di supplicare, partì il colpo!

BANG

Venne raggiunta alla spalla, in un punto non vitale, ma il violento contraccolpo e l'impressionante schizzo di sangue la fecero sentire morta.

Credeva di essere rimasta uccisa.

Ma se le avessero detto che quello era solo un colpo d'assaggio...

Se le avessero detto cosa poteva fare quella piccola pistola, sparando in una pancia, o una schiena...

La Kel-Tec era devastante fino a 10 metri, e lei non poteva allontanarsi a più di 5 o 6 metri dalla pistola.

La potente Terry - scossa dal colpo e spinta a roteare su sé stessa - offrì la schiena a Monica...

BANG

La seconda pallottola la colpì alle reni!

Sussultò violentemente, inarcando la schiena; quindi, con gli occhi stregati dalla paura, tornò a offrire il petto.

Era terrorizzata, sentiva gli artigli della morte calare su di lei.

Prima d'ora, si era sempre sentita invincibile.

Terry sapeva che Monica, a quel punto, non poteva più fermarsi.

Non ebbe nemmeno il tempo di supplicare.

BANG

Il terzo colpo la raggiunse all’addome!

Era uno stillicidio!

Si inarcò all'indietro contro la parete, tormentata dall'ennesimo proiettile: era come sentirsi messa in croce.

In quel momento, però, intravide il passaggio e scattò l’intuizione. Era l’ultima possibilità. Ricordò a sé stessa di essere invincibile.

Doveva tentare il tutto per tutto: scendere dalla croce e resuscitare in meno di tre secondi.

Quella porta conduceva al garage… e Monica era ormai convinta di averla spacciata…

Terry si buttò in quella direzione, con la mano pressata sull'addome, spinta dalla forza della disperazione e dalla volontà di rimanere la numero uno... il buco era vicino al fianco, non l'aveva fulminata... quella troietta non sapeva sparare... non era riuscita a finirla... stava avendo fortuna... e lei l'avrebbe sfruttata per salvarsi...

BANG

BANG

Click!

Gli spari furono intempestivi. E i colpi erano finiti.

Ma Terry, in preda al panico, continuava a fuggire all'impazzata, quasi rovesciandosi per le scale.

Eccitata allo spasimo, intravedeva un'insperata via di scampo: non sarebbe finita come lui.

La moglie di Burt pensava solo a raggiungere la salvezza.

Monica era basita dalla resistenza di quella puttana: le era sgusciata via come la serpe che era.

Ma non sarebbe andata lontano. Non valeva nemmeno la pena di inseguirla.

Terry azionò il comando della saracinesca e schizzò fuori dal garage con l'auto di Burt.

«NON ANDRAI LONTANO, TROIA!», le urlò contro Monica, mentre la macchina sgommava impazzita.

«Cagna... non mi avrai...», rispose Terry tra sé, convinta di sfuggire alla morte.

Raggiunse la strada principale e puntò verso la città.

La nebbia le calò sugli occhi, il panico la incalzava, spinse a tutta, alla disperata, doveva far presto, le forze la stavano lasciando.

Intravide delle luci rosse, spinse ancora per accorciare la distanza e tamponò bruscamente l'auto che la precedeva.

Quindi aspettò ansiosa che il conducente si avvicinasse per chiederle i documenti e gli estremi dell’assicurazione; la strada intanto le girava intorno.

«Ma insomma... non mi ha visto?

Allora... cosa fa? Non scende?

Guardi che se non scende, io chiamo la Polizia…».

Stizzito dall'inerzia della controparte, aprì egli stesso la portiera.

Il corpo di Terry si rovesciò di schiena sulla strada, le braccia allungate all'indietro, le gambe ancora nell’abitacolo; gli occhi sbarrati, rivolti anch'essi all'indietro, due larghe macchie di sangue che spiccavano sulla camicetta scollata, una sulla spalla, l’altra sull’addome.

«A...i...u...t...o...», mormorò con un filo di voce, pressata dalla morte.

Una scena impressionante.

Si fermarono diverse vetture, intorno al corpo di Terry si formò un capannello di curiosi.

Fu chiamata un'ambulanza.

Insomma avevano pensato a tutto, fuorché all’essenziale.

La loro stessa macchinazione gli si era ritorta contro.

La regia del destino era stata implacabile.

E ora la bella Terry stava giungendo cadavere in ospedale, stroncata da una Kel-Tec ultra-leggera.

Il Commissario Merli, dal canto suo, si stava portando presso il nosocomio per interrogarla, nel caso non arrivasse troppo morta.

Quando la vide, le sembrò che da un momento all'altro le avrebbero appuntato un lenzuolo bianco sulla faccia, vista la fretta poco convinta con cui la trasportavano in sala di rianimazione.

Il boomerang scagliato contro Monica, mancato il bersaglio, le stava ritornando in piena faccia.

La salvezza che le era apparsa possibile, ora le stava sfuggendo di mano...

Doveva spremersi.

Tutta.

Fino in fondo.

ROMA VIOLENTA

di Salvatore Conte (2024)

         

Mi ero andato a infognare con questo costoso troione di borgata, che a 60 anni giocava ancora alla Fata Turchina...

Tutto quello che voleva, se lo prendeva.

Adesso, però, mi aveva stancato.

A sessant'anni era ormai una mummia, anche se cercava di tenersi, sbottonandosi sempre di più per compensare gli anni e avere l'ultima parola.

Giocava alla Bella Zoccola addormentata sul Divano con la camicia sbottonata. E io ci cascavo sempre.

Non faceva altro che non fare un cazzo.

E di tutto questo se ne vantava pure, su Fregnacce Romane, Il Venticello e le altre riviste del nostro popolare quartiere, senza alcuna paura di farsi ritrarre logora e consumata, quasi ridotta a una megera, ma sempre con addosso la sua camicetta a scollatura profonda, perché convinta di piacere comunque, di essere diventata immortale, che è il sogno tutte le vecchie troie.

Come se non bastasse, sapeva fare anche di peggio: Anna mi tradiva.
Stava con me solo perché faceva la Fata Turchina - tra viaggi, lussi e spese inutili - con i soldi che la tabaccheria riusciva ancora a garantire, nonostante lei non ci lavorasse più.

«Allenta la camicetta e vieni con me al negozio», le dicevo prima di scendere, perché molti clienti, anche donne, compravano con più gusto quando c'era lei dietro al banco; secondo me, spesso tornavano solo per rivederla e farsi dare il resto.

Una volta, un ragazzo comprò tre pacchetti di sigarette a distanza di un'ora circa l'uno dall'altro. E tornò anche il giorno dopo. E non credo fosse un fumatore tanto incallito. E poi ci fu quello che giocò al totocalcio, e che tornò poco dopo per l'enalotto, e ancora più tardi per altre due colonne al totocalcio. E questo qui tutte le settimane giocava sempre più forte. Forse sognava di portarsela via. Mi avrebbe fatto un piacere.

Di sicuro questi clienti si sarebbero serviti altrove, ma con lei al banco compravano soltanto da me.

Anna era una vecchia gallina dalle uova d’oro.
«Sono stanca; e poi ho paura. Non leggi i giornali? Le tabaccherie sono rapinate più delle banche e io non ho voglia di rimetterci la pelle...».

Però i soldi le piacevano, eccome.

«D'accordo, riposati.

A stasera, amore...», e mi masturbavo nel bagno del negozio, al solo pensiero di ritrovarmi una fica del genere dentro casa.

Prestigiosa, zozza, burrosa, perfino simpatica delle volte, dotata di una sensualità spontanea, di forme grassottelle e ben tornite, la sessantenne Anna Frezzante era ancora il classico donnone fuori dalla portata dei più.

Però quando seppi che mi tradiva nelle stesse ore in cui ero alla cassa senza di lei, rischiando pure di finire ammazzato al posto suo, beh... allora... persi la testa.

Lei, in fondo, alla cassa sarebbe stata al sicuro, perché alla vecchia Fata Turchina chi avrebbe osato sparare?

Io invece dovevo stare attento.

Ma lei preferiva farsi sbattere a domicilio.
E io ero stanco di tutto questo.

Non l’avrei fatto personalmente, non ne sarei stato capace, ma l’avrei fatto fare. Ci vuole coraggio per uccidere.
D'altra parte ci voleva coraggio anche nel sopportarla; nel vedere lei viva e prepotente intorno a me, e me succube del suo arbitrio, ubbidiente alla sua dittatura.

Tuttavia non avevo il coraggio di spingerle un coltellaccio nella pancia. Mi sarebbe sfuggita. Se la sarebbe cavata.

Avrei potuto usare la rivoltella e con quella crivellarla di colpi.

Non quella denunciata, ovviamente. A Roma se ne trovano tante senza numero di matricola. Ma non ero sicuro se - dopo aver visto il primo sangue - avrei premuto ancora il grilletto; se fossi riuscito a portare a termine il lavoro, una volta cominciato. Lei che si dispera, lei che non vuole morire... avrei ceduto, e le avrei chiamato un'ambulanza.
Il lavoro, quindi, l’avrei dato a un immigrato clandestino.
A un indiano.

Gli indiani sono facili ai coltelli.

E doveva avvenire davanti a me, in una rapina finita male, come ce n'erano tante. Il mio porto d'armi era limitato alla tabaccheria. In uscita di piacere non avrei potuto difenderla.
Sì… proprio così... avrei appaltato il lavoro.

La portai al cinema, all’ultimo spettacolo. Davano un film di Maurizio Merli.

Avevo parcheggiato in una zona poco illuminata; ero abbastanza certo che non avrei trovato un posto migliore e il destino mi diede una mano.

All’uscita dalla sala volle bere qualcosa. C’era un bar ancora aperto.

S'era messa la solita camicetta rosa da vecchia zoccolona, sbottonata fino in pancia, che s'abbinava bene con i capelli turchesi.

Nonostante gli anni addosso, era sempre una gran puttana, niente da dire.

Il barista lasciò gli occhi dentro la scollatura.

«Ci vorrebbe davvero un tipo così... lo sai?

Parlo di quel Commissario...».

«Sì, ho capito.

Fra le tue cosce o in giro per Roma a mantenere l'ordine?».

Forse per la prima volta sospettò che io sospettassi.

«Un altro...».
Però non poteva certo sospettare che quelli sarebbero stati i suoi ultimi bicchierini.

«Perché non vai a prendere la macchina?».

«Non è prudente, se rimani sola a quest'ora».

«Ti aspetto qui nel bar, quando arrivi dai un colpo di clacson».

«Va bene, va bene...».

Mi aveva fregato.

«Francè!», mi chiamo dalla porta.

«Hai ragione... facciamo due passi...».

Darmi ragione, anche se per la prima volta da mesi, le sarebbe costato caro.

«Certo che è buio qui...».

«Anche prima lo era, no?

Stai tranquilla, amore, ci sono io».

Proprio in quel momento, l’indiano uscì fuori dall’ombra, con una calza da donna sul volto, e mi ferì una mano col coltello.
«Dammi il portafoglio! E tu la borsetta!».
Anna si spaventò e cercò di fuggire.
L’indiano le fu addosso, la spinse contro il muro e affondò il coltello.
Lo vidi colpire... una… due… tre… quattro… cin… impossibile contarle tutte! A ripetizione! Sembrava non fermarsi più! Era impazzito!
L’ammazzava! La spanzava!

La Fata Turchina si stava sgonfiando sotto i miei occhi.

Aveva finito di ridere alle mie spalle, ora rimaneva uccisa...
Anna
continuava a strillare come una scrofa squartata. Tutte quelle coltellate non l'avevano ancora stroncata.
Tuttavia, per quanto m’avesse profondamente oltraggiato, mi si raggelò il sangue…
L'indiano la stava sbudellando! Bastardo, falla finita... è la mia donna quella!
Se non m’ero sbagliato, Anna rimaneva uccisa con 23 coltellate in panza!
Un numero impressionante, che mi diceva qualcosa, anche se non capivo cosa, in quel momento.

Qualcuna frettolosa, poco più d’una puncicata, qualcun altra a tirar via, tipo ‘na romanella, ma pur sempre 23 coltellate nella panza della Fata Turchina, Cristo Santo!
Stavo per urlare basta, ma l’indiano ormai si era fermato, e subito dopo si dileguò nella stessa ombra da cui era giunto... con il mio portafoglio... e la borsetta della mia donna... quasi se la dimenticava, quello stronzo!

La zoccolona era seduta a terra contro il muro, a gambe larghe, la bocca aperta e la lingua arricciata sotto il palato…
«Anna!», strillai, per farmi sentire.
Era sotto shock, ma reattiva: strinse gli avambracci sulla pancia, mentre cercava di mettermi a fuoco.
Per un attimo mi fece pena.
Si dimenava ancora, ma era all’ultimo ballo. Doveva saperlo anche lei, perché i suoi occhi avevano paura, una paura che non le avevo mai visto addosso prima d'allora.
Aveva bevuto da poco, ecco perché le coltellate non l’avevano ancora stroncata. Ma sapeva di dover morire.
Mi sembrava di vedere le budella schizzarle fuori dalla pancia. Però forse era soltanto la mia crudele immaginazione.
In ogni caso il destino della mia donna era segnato.
La troiona, tuttavia, si agitava ancora, cercando disperatamente di piegare la sorte, con le braccia che si aggrappavano alla vita che le sfuggiva, serrandosi intorno al ventre.

Molto sexy mentre crepava, senza dubbio. Recitava bene, come le migliori attrici, ma a differenza di queste non fingeva.
{L'ambulanza… ohhh... l'ambulanza… hh...}, mormorava con voce gutturale, tra i gemiti.
Nonostante tutto, la sciagurata si voleva salvare.

Vedendomi inerte, inebetito, capì tutto…
{Sei... stato... tu… vero…? Proprio tu...!}.

Anche quell'accusa indignata mi ricordava qualcosa...
«Ma che dici?».
{Non lo dico… a nessuno… ahhh... però… aiutami… ho paura... Francesco...}, era ancora lucida e manteneva il controllo di sé.

Era decisa a trovare una via di scampo, anche in quella situazione estrema.

Quando pronunciò il mio nome, senza rancore, mi commosse.
Qualcuno finalmente sopraggiunse, furono chiamati i soccorsi.

Io mi finsi sotto shock, forse lo ero davvero.
Se la Fata Turchina parlava, mi sarei tradito subito.
Ma per ora si limitava a gemere, agonizzante, sbiancata in volto e spaventata; aspettava ansiosa l’ambulanza.
Non capiva che era finita. Oppure non voleva ammettere che qualcosa fosse più forte di lei.
{Perché…?}, farfugliò, con la lingua arrotolata sotto il palato.
Eppure lei lo sapeva il perché, vecchia puttana…
«Era un pazzo violento, Anna. Ma te la caverai…».
Mi fissò con gli occhi sbarrati: se non era già morta, di certo non ne aveva per molto.

L’ambulanza arrivò a sirene spiegate.
La troia fu subito caricata sulla barella. Però, mentre la portavano via, fu scossa da spasmi convulsi…
Non fu una bella scena.
Se non era già morta, Anna sarebbe morta lungo il tragitto. L’indiano aveva picchiato duro, a parte qualche romanella; senza farsi spaventare dal primo sangue, come sarebbe successo a me.
Comunque i portantini l’avevano caricata come niente fosse.

«Salga, dottò... che su' moje c'ha fretta...».
Sì, non potevo rimanere lì. Ero non solo il marito, affranto e sotto shock, ma io stesso un ferito: fu così che mi infilai nell’autolettiga, mettendomi vicino a lei, per tenere d'occhio la situazione e accertarmi che non farfugliasse a sproposito.

Per fortuna, a stento di equivoci, l'attaccarono subito al respiratore artificiale.

«Come sta?».

«L'hanno spanzata de brutto... nun se campa più al giorno d'oggi...

Ma ce vo' provà a tutti li costi... nun molla...

Però se dovemo da sbrigà, dottò... oppure ce crepa dentro l'ambulanza...

C'ha qualche anno su' moje... ma è bona forte...».

Le presi la mano, lei la strinse: la mia donna non voleva morire, accettava qualsiasi aiuto.
“Non lo dico a nessuno”, aveva promesso. Finora era stata di parola. Ed era troppo tardi per avere la chance di smentirsi.
Mi incuriosiva il fatto che non avesse parlato, nemmeno quando ancora avrebbe potuto.
Una puttana come lei non era certo stanca di vivere.
Ma in fondo doveva aver capito che era inutile arrabbiarsi.

Ormai le coltellate erano arrivate.

Poteva soltanto spremersi per guadagnare un po' di tempo e non fare la figura di quella che veniva caricata sull'ambulanza con il lenzuolo in faccia.

Mentre l’ambulanza correva all'impazzata, mostrava ancora qualche segno di vita: Anna si contorceva nella sua agonia e usava gli occhi, non potendo usare la bocca. Erano spalancati, atterriti, e cercavano a tutti i costi di farsi rimpiangere...
Io, però, non intendevo cascarci un'altra volta.
Lei sapeva perché moriva scannata.

Era inutile provarci ancora.

E poi non aveva tempo.
Anna era fregata. S'era fatta ammazzare, anche se controvoglia.

Gli occhi guardavano gelati il nulla, la mano si staccava dalla mia.

Ormai non potevano più esserci dubbi: sarebbe giunta cadavere.

Ma mentre pensavo questo, ebbe un sussulto: riprese a stringere.

Nel suo cuore di troia, sapeva perché moriva sbudellata, e forse mi stava chiedendo perdono. Lo apprezzai.

Le strinsi la mano con più convinzione. L'avevo perdonata, nonostante tutto.

O forse si aggrappava semplicemente a me, nel tentativo di arrivare almeno in ospedale.

Però mi piaceva questa sua voglia di tirarla per le lunghe, era una puttana dura a morire.

Io sarei morto al solo pensiero di riceverle, quelle 23 coltellate...

Intanto, fra questi pensieri, l'ambulanza aveva inchiodato.

Non era giunta cadavere, almeno.

Anche se era chiaro che non la salvava nessuno.
L’indiano ci sapeva fare.
Sfiancare una donna come Anna non era facile. Ma lui c'era riuscito.
D'altronde mia moglie era una troia esagerata e l'indiano si era adeguato.
Mentre era sotto i ferri, il Commissario mi raggiunse e mi interrogò.
Non ebbi difficoltà a rispondere. Mi ero preparato a dovere. Altro che Maurizio Merli... quello mi avrebbe preso a sganassoni al primo sguardo.
Nell’aspettare la fatale notizia, ripensai a quando stavo per accoltellarla io stesso, al colmo dell’ira.
Aveva minacciato di mollarmi, se non le avessi regalato una pietra di cui s'era invaghita.

«Tu non potresti mai uccidermi», mi disse, sicura di sé, a un centimetro dalla lama, con le zinne impettite che gonfiavano la camicetta.
E rideva tra i denti, sicura che non mi sarei mai privato di una cagna del suo genere.

«Se devi farlo, fallo qui: infilzami, trapassami...», e si buttò sul divano, aprendo le cosce e stirandosi addosso la camicia. «Ammazzami, presto! Voglio sentirmi morire».
Non “perché” voleva chiedermi, ma “come”.
Come hai fatto a uccidermi?
Questo voleva chiedermi.
Facendoti scannare da un indiano.
Ecco come ho fatto.
Ma la colpa sarebbe stata di una città violenta, non mia, né di un Commissario incapace.
Il mandante era un’intera città; anzi la capitale; a me non sarebbero mai arrivati.
Le colpe collettive sono l'alibi perfetto.

La zoccolona entrò in coma e vi rimase per diversi giorni.
Il referto narrava proprio di 23 coltellate…! Avevo contato bene.
Infine ricordai il significato di quel numero.

Io, tuttavia, non ebbi la sfortuna di imbattermi in un novello Marco Antonio che sobillasse la Città contro di me.

Tuttaltro.

La Polizia si dimenticò presto di me: una semplice rapina, finita neanche troppo male, non interessava a nessuno di quei tempi, non faceva notizia.
Era così contenta che tralasciò di serbarmi il dovuto rancore.
Si limitò a tradirmi di nuovo.

Ma stavolta divideva con me i soldi che succhiava ai suoi amanti.
In fondo così mi dimostrava di farlo solo per denaro.
Mica stupida…
Quando si dedicava a me, mi aspettava con la solita camicetta allentata fino allo stomaco, sguardo da cagna e bocca spalancata, come se la dovessi accoltellare.

Invecchiata e logora, però eterna e indistruttibile.
Era tornata e si vantava di mangiare, oltre agli uomini, anche i coltelli.
Prima o poi l’avrebbero ammazzata sul serio.
Intanto però era tornata.
«Perché?», mi chiese ancora.
Non risposi.
La presi e basta.
Non c’era altro modo di prenderla.

LA MORTE CHE UCCIDE

di Salvatore Conte (2024)

«E di Emiliana, che mi dici?».

«L'hanno fatta fuori».

«Sei sicuro? Quella non l'ammazzi al primo colpo».

«Infatti...

Ma io l'ho vista con i miei occhi mentre la trascinavano per i talloni - le braccia inerti allungate dietro la schiena -  ammucchiandola con indifferenza sugli altri corpi.

Senza dubbio s'è mangiata una raffica e le è rimasta sullo stomaco...

Non ha avuto scampo».

«L'hanno ammazzata per ucciderla? Per farle la pelle, insomma? O è stato un incidente?».

«Questo non lo so. Ma posso informarmi».

«Fallo. Voglio sapere chi l'ha uccisa e perché.

Potrebbero essere stati gli iraniani, o i cinesi; o anche i russi.

Emiliana era scomoda; ma lavorava soprattutto per noi.

E cerca di recuperare il cadavere.

C'è chi pagherà per averlo, era una grossa puttana; e tu avrai la tua parte».

Rod Wallace torna sulla spiaggia dove le fazioni somale hanno ammucchiato i cadaveri, dopo il sanguinoso regolamento di conti.

Il corpo della guerrigliera messicana, però, non si vede più.

Nel pieno dei suoi cinquantanni, era una grossa cessa molto ambita.

Mimetica sempre sbottonata e due zinne da favola.

Nessuno aveva mai osato toccarla.

«Il corpo non si trova, è sparito dal mucchio dei cadaveri, ma ho preso informazioni e so con quale gruppo si muoveva negli ultimi giorni.

C'è stata una contesa tra fazioni e si sono sparati addosso. Durante la tregua hanno radunato i corpi sulla spiaggia.

Emiliana, dopo aver perso diversi uomini, è stata circondata ed eliminata con una raffica di kalashnikov, come avevamo già capito.

Mi hanno detto che è rimasta stecchita».

«Chi può aver preso il corpo?».

«Questo ancora non lo so».

«Datti da fare, Rod».

Ancora domande, ancora rischi, ma alla fine - come sempre - qualcosa salta fuori.

«Pare che il cadavere di Emiliana sia stato recuperato dai suoi uomini, i pochi superstiti, e portato a bordo del loro battello.

Devo proseguire con l'operazione?».

«Certo.

Compralo, prima che lo buttino in mare o se lo portino su qualche dannata isola».

«D'accordo, ricevuto».

Le acque si sono calmate.

Rod Wallace sale a bordo dell'imbarcazione utilizzata dalla messicana negli ultimi giorni.

«E così tu vuoi vedere cadavere di nostra signora?

Allora tu aspettare...», il bianco dei denti è smagliante.

Wallace rimane interdetto.

«Non ce l'avete voi?

Io pago meglio. Qualcun altro ve l'ha chiesto? I cinesi?».

«È okay... può passare...», interviene un altro del gruppo.

Wallace viene condotto sottocoperta.

C'è una guardia davanti alla porta di una cabina.

Sono tutti negri.

«Rod... vecchio bastardo...».

«Emiliana...! Questa sì che è una sorpresa...

T'avevo dato per fottuta...».

«Lo sono...».

«Chi è stato?».

«Non lo so...».

La messicana è affondata sulla branda, pallida in volto, la bocca impastata di sangue, la testa che le cade all'indietro, diversi asciugamani sanguinolenti sulla pancia, e le mani pressate sopra.

Wallace aggiunge d'istinto la sua.

«Senti, Emiliana... devo comunicare con il contatto».

«Che vogliono...».

«Il tuo cadavere...

E per il momento, gli farò credere di averlo».

«Okay... ma dopo... torna qui... ne ho per poco... Rod...».

«Torno subito».

Wallace torna sul ponte e chiama con il satellitare.

«Allora... hai recuperato il corpo?».

«Sì, ce l'ho fatta».

«In che condizioni è?».

«Ottime».

«Bene. Conservalo al fresco, se ti riesce. E manda qualche foto appena possibile».

Wallace chiude la comunicazione senza fornire ulteriori dettagli e ritorna dalla messicana.

«Quando ti ho visto passare, trascinata per i talloni, sembravi morta stecchita...».

«Un colpo... ha sfiorato la spina...

Ero tramortita...».

«La fortuna ti ha protetto, Emiliana. Te la caverai...».

«Sì... come no...».

«La tua barca è all'ancora. Non ti fai portare da nessuna parte?».

«È pericoloso...».

«Ma... tu... pensi di cavartela lo stesso... vero...?».

«Rod... sai usare... la maschera... dell'ossigeno...?».

«Penso di sì».

«Voglio farmi un giro...».

«D'accordo».

Wallace si guarda intorno, controlla l'attrezzatura e l'accontenta.

«Va meglio?».

«Un po'...».

«Hai paura?».

«Sì... ho paura...», gli occhi guardano lontano, «si vede... vero...».

«Un po'...».

«Io... sono morta... Rod... ma... la morte che uccide... è quella... che fa paura...».

«E che tipo di morte sarebbe? La morte uccide sempre, no?».

«No... mi hanno sparato... e mi hanno ammazzato... ma non sono morta...

La morte che uccide... non ti lascia scampo...».

«E tu hai paura che non manchi molto a quella morte, vero, Emiliana?».

«Io... non sono... una stupida... Rod...

Non hai idea... dei buchi... che ho in pancia...», la donna abbassa lo sguardo sugli asciugamani insanguinati. «Ma non sono finita... finché non crepo...».

«Giusto modo di pensare».

«C'è una complicazione».

«Di che si tratta?».

«Il cadavere è ancora caldo...».

«Che diavolo significa?».

«Emiliana è stata ammazzata, ma non uccisa».

«Senti, Rod... non ho tempo da perdere, sputa il rospo».

«È quanto mi ha detto lei stessa.

È stata colpita a morte, ha preso una raffica in pancia, ma non è ancora crepata».

«Cosa?!».

«La morte che uccide deve ancora arrivare».

«Ma... se non è morta... è stata visitata da un medico?».

«Non c'è molto da fare, lo sa anche lei, è preparata».

«Emiliana non se lo merita, è una combattente.

Mando un elicottero con adrenalina e plasma».

«Non credo ce ne sarà il tempo, comunque tanto vale provare».

«Tu falle credere di potercela fare, capito?».

«D'accordo».

Wallace torna sottocoperta.

«Come va?».

«Male...».

«Fatti un goccio di quello buono...», le porta alle labbra la fiaschetta del whisky.

«Sei carino... con me... Rod...».

«Tu sciogli tutti...

Sei una bella donna, una di quelle che sembrano non nascere più».

«Sei bravo... a distrarmi... mentre crepo...».

«Stai calma... i tuoi buchi l'ho visti quando ancora fumavano.

Non sono facili da gestire... ma una come te ci può provare...

Il contatto manderà un elicottero con un kit di emergenza...

Le gambe, le senti?».

«Sì... ce l'ho...».

«Bene, fatti un altro giro...».

Wallace aggiorna il contatto.

«La maschera dell'ossigeno non basta più. Che fine ha fatto l'elicottero?».

«Negativo, ci sono problemi. L'elicottero deve raccogliere una priorità superiore.

Ritorniamo all’obiettivo iniziale: il cadavere e informazioni sui mandanti».
«D’accordo, procedo».
Wallace torna in cabina.
«L’elicottero ha avuto problemi, arriverà in forte ritardo, mi dispiace, non dipende da me, lo sai.
Hai idea del perché ti abbiano sparato?».
«Ti sei... risposto... da solo... Rod…».
«Che vuoi dire?».
«Cominciavo… a essere ingombrante… sapevo troppo…
Hanno deciso... di fottermi… e di azzerare... il mio gruppo…».
«Emiliana... chi è stato a fregarti?».
Rispondono delle raffiche di mitraglietta da un motoscafo che si avvicina a forte velocità.

Adesso spari ravvicinati, il nemico è a bordo.

È una donna quella che fa irruzione in cabina, pistola in pugno.

Punta dritto su Emiliana e sta per saldarle il conto.

«Ehi...».
BANG
BANG

Wallace la fa voltare e le mette due palle in corpo.

La riconosce subito.

Si chiama Kelly Maddox, un'esperta di targeting.

«Coglione... che fai... mi vuoi ammazzare...».

«Lo sai, tu, cos'è la morte che uccide, Kelly?».

La biondona, ingobbita in avanti, lo fissa inebetita.
Gli spari, intanto, si spengono.

Wallace spranga la porta.

«Emiliana... adesso ho capito...».

«Stronzo...», la sicaria è scivolata lungo la parete della cabina, con le braccia strette intorno all'addome.

«Ascolta, Kelly...

Se non vuoi che la morte ti uccida, devi collaborare.

Noi tre dobbiamo metterci d'accordo.

Ma intanto sono io il capitano di questa bagnarola».

E mentre Kelly è costretta a pensarci su, Wallace controlla che l'ammazzata non sia rimasta uccisa.

E tira un sospiro di sollievo.

CHI HA UCCISO LA NUMERO 80?

di Salvatore Conte (2024)

Il pesante corpo della Numero 80 viene trascinato per i talloni fino alla porta del suo appartamento.
Le braccia della monumentale incarnazione di Frigga, moglie di Odino, si allargano inerti, allineandosi sopra la testa.
Nonostante il gran fisico, c'è rimasta secca.
«Per favore, Numero 66, facciamo in fretta: il Numero 2 la desidera ancora calda».

«Naturalmente, Numero 11: con il taxi faremo in un baleno».
La Numero 80 viene caricata lunga sul sedile posteriore, accanto al Numero 66.

Il taxi riparte e - azionando il clacson - il conducente fa scansare i concittadini che affollano la via principale del Villaggio.

«Largo, largo... fate passare, per favore...», con una mano a gesticolare fuori dall'abitacolo.

L'esecuzione è avvenuta in pieno giorno.
La Numero 80 è stata liquidata da una coppia di sicari, che le hanno esploso contro diversi colpi di rivoltella.
«Che volete fare?! Per favore... NO!», le ultime parole, prima di essere raggiunta dalle pallottole.
I colpi sono stati reiterati, ribaditi, mirati a squagliarle il grasso nella pancia, senza far danni alla struttura intorno.

La Numero 80 - per qualche istante - è sembrata rimanere in piedi, lo sguardo deciso, nonostante i colpi d'arma da fuoco l'abbiano raggiunta in pieno; poi, però, le gambe hanno ceduto improvvisamente, come se il pavimento si fosse aperto sotto i suoi piedi; gli occhi della Numero 80 si sono fissati sul soffitto, la bocca aperta in un'espressione di assorta meraviglia.
È stata sorpresa nella sua comoda abitazione all'interno del Villaggio.
La bella Numero Ottanta -  chiamata anche Frigga, per la somiglianza, a grandi linee, con la moglie di Odino - con il suo sguardo penetrante, il sorriso sfuggente, le forme procaci, la tanta... carne e il grasso vellutato che le riempivano la camiciona sbottonata da grande stronza, aveva reso succubi e tributari numerosi... concittadini; il Pallone guardiano, il grande globulo bianco, il Rover, non l'aveva mai intercettata, perché Frigga non aveva mai cercato di fuggire: il Villaggio le piaceva e stava diventando il suo Regno.
Il Numero 2 era stato chiamato dal Numero 1, ricevendo precise istruzioni.

Questa la fine della Numero 80.
Giunta in taxi presso la prestigiosa Green Dome, sede del Numero Due, viene scaricata e trasportata dentro a braccia.

«Accidenti, quanto pesa!

È proprio morta, poverina...».

«E in più c'è tutto il piombo che ha incassato».

I due vanno diretti in camera da letto.

E vengono congedati all'istante.
«Finalmente...».
Il Numero 2 si dà subito da fare.
Il corpo è ancora caldo, come voleva, e lui pronto, come sperava.
«Fantastico...».
Affonda i colpi contento.
«Per favore... no... no...», il timbro gutturale.
Il timbro della Numero 80!
«Che cosa...?!», benché eccitato da morirne, il Numero 2 si ferma, impietrito, e si sfila. «Non sei ancora morta...?!».
È costretto a finire di mano.

«Quegli idioti...», ha appena ripreso fiato.
Chiama l'ospedale del Villaggio e chiede un taxi-ambulanza, ossia un taxi con rimorchio usato per il trasporto di feriti, malati e salme.

C'è un'autopsia da eseguire.

«Numero 80... se non crepi... ti faccio rimettere a posto...

Ma dovrà rimanere un nostro segreto... capito?».
Giunta all'ospedale, la Numero 80 viene trasportata nella sala delle autopsie.

Il Numero 2 se ne occupa personalmente.

«Teledottore, eseguire autopsia sulla Numero 80».

Rispondendo alla voce del Numero 2, diversi bracci meccanici entrano in funzione, agitandosi intorno al corpo di Frigga.

{Negativo.

Autopsia richiesta in contrasto con protocolli operativi.

Numero 80 non risulta deceduto}, una voce metallica risuona nella sala.

«Teledottore, calcolare probabilità del decorso medico».

{Probabilità di decesso: 94,0%.

Probabilità di sopravvivenza...}.

«6%, ovvio», il Numero 2 anticipa la risposta. «Teledottore, analisi dei colpi fatali».

{Presenza di ferita d'arma da fuoco in corrispondenza di: stomaco.

Presenza di ferita d'arma da fuoco in corrispondenza di: fegato}.

«Teledottore, rimani in attesa di istruzioni».

{Ricevuto}.

Il Numero 2 si rivolge alla Numero 80.

«Almeno due colpi non ti lasciano scampo, hai sentito?».

Frigga annuisce.

«Io... io... ho paura...».

«Il Teledottore non sbaglia mai. Sei rimasta uccisa, Numero 80; anche se con un leggero ritardo sul programma».

«No... il 6... il 6... Numero 2...».

«Già, è vero...

Teledottore, eseguire protocollo di valorizzazione delle probabilità di sopravvivenza».

{Ricevuto}.

"La Numero 80 rimane uccisa": è il titolo principale del Tally Ho, il giornale del Villaggio in edizione straordinaria.

"Un'esecuzione a colpi di rivoltella. I sicari non le lasciano scampo. Il corpo, gonfio di piombo, è stato trasportato all'Ospedale per l'autopsia di rito".

Allorché il Numero 6 legge la prima e unica pagina del giornale, chiama un taxi e si fa condurre all'ospedale.

In molti - in effetti - devono aver visto, ma nel Villaggio "a still tongue makes a happy life".

Va diretto in sala autopsie e incontra chi voleva.

«Che bisogno c'era, Numero 2!», con la tipica aggressività del suo predecessore. «Di sicuro lei sa chi l'ha fatta fuori, e perché!».

«Mi meraviglio di lei, Numero 6.

Non è degno di lei prestar fede al Tally Ho...», il Numero 2 ricambia l'irruenza dell'interlocutore con divertiti toni sibillini.

Il Numero 6 si avvicina al lettino e la osserva.

«La volpe non è ancora morta. E questa non è un'autopsia.

Tuttavia... se ciò non rimanesse un segreto ben custodito... chi l'ha uccisa potrebbe riprovarci.

Mi comprende, Numero 6?».

«Mi fermerò qui per un po', allora. Mi fingerò malato».

«Molto bene, Numero 6. Io andrò a organizzare i funerali.

Teledottore, aggiornare le probabilità di sopravvivenza».

{Probabilità di sopravvivenza: 8%}.

«Bene. Proseguire con il protocollo di valorizzazione delle probabilità di sopravvivenza.

Il Numero 6 è autorizzato a impartire istruzioni in mia vece».

{Ricevuto}.

BIP-BIP-BIP

Suona il telefono rosso: il Numero 2 lo porta sempre con sé.

È il Numero 1: non può essere nessun altro.

«Tutto finito, Signore.

Sì, certamente, Signore... l'operazione è conclusa, i sicari non hanno risparmiato piombo, l'obiettivo è deceduto quasi sul colpo.

Sissignore. Certamente. Sissignore».

La comunicazione è conclusa.

Il Numero 2 è perplesso.

«Qui mi gioco il numero, Numero 6...».

«Chi è il Numero 1?».

Il capo del Villaggio lo osserva, abbassa gli occhi, e se ne va.

«Io so chi è il Numero 1!

Frigga... chi è stato?», un attimo dopo si rivolge alla donna agonizzante sul lettino d'ospedale. «Ti hanno fritto, non vedi, non capisci?», i toni non sono gentili.

La Numero 80 ha subito un'anestesia locale, è in grado di parlare.

«Due numeri... hanno sparato... diverse volte... ho avuto paura...».

«Ci credo... quali numeri?».

«11... e 66...

Non mi terrai rancore... per quella volta...».

«No, non ti preoccupare; acqua passata».

«Io... io... al Villaggio... ci sto bene...

A parte il piombo... che ho... sulla pancia...».

«Insieme a te ci starei bene anch'io...».

«Io... non so se...».

«Altrimenti?».

«Potrei... essere tua... Numero 6...».

«Ci sarà un nuovo Numero 2, Frigga.

E tu dovrai stare molto attenta, abbottonarti il camicione e passare inosservata.

So che non sarà facile».

«Forse... mi serve... un numero... accanto...».

«Il 6, Frigga, il 6».

LO SCERIFFO

di Salvatore Conte (2024)

«Rentcar ha parlato: grido di aiuto da carro di ferro. Fermato in Gola di Puma».
«Ferro? Credo sia plastica.
Il grido d’aiuto è un Sos automatico?».
«Lingua Dritta ha parlato».
«Andiamo a vedere. Prendi i cavalli».
John Vernon è lo Sceriffo della Contea, Luna Tagliente il suo unico vice, due penne che pendono dall'orecchio.
La strada s'inerpica tortuosa nel deserto; è una semplice pista di sabbia, delineata più da cactus che da cartelli.
Escursionisti, ciclisti, automobilisti, variamente sprovveduti, sono sempre più frequenti.
Niente li spaventa, nemmeno i cartelli che segnalano la presenza del puma.
Troppo forte il desiderio di fuggire dal progresso.

«Ci siamo...».
Lo Sceriffo avvista l'auto: ha perso la carreggiata e si è capovolta; una persona è a terra nei pressi del veicolo.
Smonta da cavallo e scorge il maestoso puma che troneggia sulla cresta di roccia.
Puzza di benzina non ce n'è, può lasciarla dov'è.
Lei sente la sua presenza e spalanca gli occhi chiari.
«Sente dolore, signora?».
«Lei... è un poliziotto... sia ringraziato il cielo».

«Sono lo Sceriffo.
Si sente bene?».
«Io... io... ho bevuto... solo un goccio...
Mi farà l'alcol...test... Sceriffo?».
L'aiuta a tirarsi su, sembra non avere niente di rotto.
«Già, l'alcol-test...
Luna Tagliente, vallo a prendere...».
L'indiana torna con la borraccia.
«Su, beva un goccio, le farà bene...».
«Ma così... mi arresterà... superre... supperro... insomma... rischio di supperrare... il limite... consentito... dalla legge...».
«Signora, siamo nella Contea di Hot Water.
Qui la legge sono io.
Sono io a decidere se qualcuno ha bevuto o no, e sempre io a decidere se lo abbia fatto per un valido motivo, oppure no.
Non sarà certo una fottuta macchinetta cinese a deciderlo, non nella mia Contea, almeno. Non è vero, Luna Tagliente?».
«Sceriffo parla con lingua dritta».
«Sentito?».
«Beh... io... ero un po' giù... Sceriffo... e ho bevuto un goccio... per tirarmi su...

Non avrei dovuto farlo... lo so... ma questo... paesaggio... mi ha fatto perdere la testa...».

«È un valido motivo, signora».
«AAAHHH...!», la signora ha inquadrato il puma. «Quella bestia... avrebbe potuto uccidermi...».
«Quel puma l'ha protetta dagli sciacalli».
«Cosa? Ha protetto me? Ma se neanche mi conosce...
E perché l'avrebbe fatto?».
«Un puma tiene fermi mille sciacalli.
Non si fa forte del numero, non conta gli avversari.
È lo Sceriffo di questa regione».
«Però...

Posso sapere perché quella poliziotta... porta delle penne in testa... come un indiano nei film?», la donna gli sussurra all'orecchio.
«Perché è un'apache, signora».
«Un'apache?!».
«E a me non serviva un apache con un cappello da cow-boy in testa.
Certo, il Governatore ha avuto da ridire, ma io ho deciso così.
E io sono la legge, nella mia Contea.
Luna Tagliente è in gamba, anche se è un muso rosso».
«Lei chiama un suo dipendente “muso rosso”...».
«Signora... per me un negro è un negro, e un muso rosso è un muso rosso.
E poi non è un dipendente, è il Vicesceriffo della Contea.
Luna Tagliente non dipende da nessuno. Se non rigassi dritto, mi scalperebbe in meno di un minuto.
Per questo l'ho assunta.
E ne cerco un altro.
2.000 dollari al mese.
Ma niente curriculum.
E non mi basta che mi centri una bottiglia da duecento metri.
Lo faccio annusare a Occhi di Giada e mi faccio dire che ne pensa».
«Occhi di Giada... una squaw indiana, suppongo».
«No, un puma femmina.
Ha occhi come i suoi, signora».

Risponde con una smorfia divertita.
«Mi dica... questi puma... non sono pericolosi? Nessuno li caccia?».
«Nella mia Contea, per chi caccia il puma c'è il capestro, signora.
Vivono su questa terra da molto più tempo di noi, sono un'unica cosa con questo paesaggio, e che io sia dannato se permetterò a un fottuto delinquente di dar loro fastidio».
«Lingua Dritta ha parlato».
«Lingua Dritta è lei, Sceriffo?».
«I musi rossi mi chiamano così.
Amministro la giustizia nella loro Riserva».
«Allora lei è Sceriffo e anche Giudice».
«C'è forse differenza?».
«Di solito sì. Dunque lei potrebbe non solo arrestarmi, ma anche condannarmi...».
«Già, dovrei condannarla all'ergastolo, da scontare nella prigione della Contea.
Ma poiché non ravvedo colpe nel suo maldestro comportamento, mi vedo costretto a rilasciarla».
Sorride.
«Sceriffo... lei è un uomo così autorevole, eppure si fa incantare dagli occhi di una donna?».
Una lunga pausa.

Un sospiro.
«Sono uno Sceriffo. Niente di più, signora».
«Anna. Mi chiamo Anna Frazer, e vengo da Boston. Non mi ha nemmeno chiesto la patente».
«Nessuna patente al mondo potrebbe dimostrare che lei sia una buona guidatrice; perciò non mi serve vederla».
Lo guarda stupita.
«Sceriffo... lei e la sua vice mi avete salvato la vita, questa è la verità.
Mi dispiace aver creato un tale problema.
E le sarei grata se potesse darmi un passaggio con la sua macchina di servizio alla più vicina agenzia di noleggio auto».
Vernon fa un cenno al suo vice.
«Naturalmente. Non penserà che la lasci qui, no?».
Quando vede i cavalli, la Frazer rimane basita.
Scuote leggermente la testa.
«No... questo no... io non ho confidenza con gli animali...».
«Dietro di me non le accadrà nulla.
Luna Tagliente l'aiuterà a montare».
«Vada piano, la prego».
«Lei si stringa forte».
«Non c'è bisogno di dirmelo...».

Dopo non molto si fermano, è calata l'oscurità.
Luna Tagliente accende il fuoco.
«Come si sente?».
«Sono un po' stanca, ma è stato emozionante cavalcare.
In fondo ero qui per fare qualcosa di diverso.
Sceriffo... questi sono 200 dollari per il carro attrezzi. Sono sufficienti?».
«Li tenga, all'auto penserà il vecchio Jack».
«Il vecchio Jack...».
«Non riuscirei mai a rifilargli un dollaro.
Non mi guardi così.
Si usa così da queste parti.
Chi prende soldi dallo Sceriffo è considerato alla stregua di un usuraio.
È gente che è rimasta molto indietro.
Se la può consolare, non prenderebbe soldi nemmeno da lei».
«E come fa a dirlo?».
«Lo dico perché lo conosco. Jack Stanton è un bravuomo. E se lei avesse un problema, lui si farebbe in quattro per aiutarla.
Lo Sceriffo deve conoscere tutti.
Qui le persone non hanno codici fiscali. Hanno una reputazione».
«Quell'ascia è molto bella, è sua?
È il tomahawk che mi ha regalato la tribù di Luna Tagliente.
È l'arma dell'ultimo giudizio, perché per un uccidere con un tomahawk non basta premere un grilletto. Tutta la mano deve volerlo. E anche il braccio.
Insomma, devi volerlo davvero, stai condannando a morte il tuo nemico. È come il martello dei nostri giudici. Il movimento è secco, coordinato, la decisione è presa: due culture tanto diverse, gli stessi gesti.
Comunque con questo arnese, il qui presente muso rosso può dividere una zucca in due parti uguali a cinquanta metri di distanza, sotto la luce della luna. Una zucca, o una testa. O le due cose insieme.
Forse il suo nome le dice qualcosa, adesso».
«E tutte quelle medaglie sull'uniforme? Cosa rappresentano?».
«Solo cianfrusaglie, le danno a tutti».
«Viso pallido parlare con lingua biforcuta, signora».
Le tira un sassetto.
«Lo sai che non devi contraddirmi, sporco muso rosso».
«Lingua Dritta salvato molte persone, musi rossi, negri, peones.

Ma io paura quando lui arrabbiato».
«Smettila, o spaventerai la signora».
Si gira, la Frazer si è addormentata.
Vernon si allontana un po', si trova una roccia e si siede, guardando lontano, nel buio; il tomahawk dietro la schiena.
Si volta intercettando un'ombra.
«La disturbo, Sceriffo?».
«John. Mi chiamo John Vernon, e sono di queste parti.
Credevo stesse dormendo...».
«Ho pensato che una notte così andasse passata come sta facendo lei, guardando lontano...».
«Lei è una donna molto strana, signora Frazer.
Come le ho detto, anzi come lei stessa ha notato, sono uno Sceriffo, niente di più».
«Come direbbe la sua vice, lei parla con lingua biforcuta...
Non sono più molto giovane, ma so di essere ancora piacente.
C'è qualcosa di male in questo?».
«Davvero niente».
«Non vorrei sbagliarmi, ma la sua solitudine si percepisce lontano un chilometro.
Lei ama la natura selvaggia, gli animali, le culture diverse dalla sua, lo spirito che anima tutte le cose.
Non può stupire quindi che a lei manchi qualcosa che racchiuda tutto questo in un'unica, perfetta espressione.
Forse in città avrei aspettato mesi per fare un discorso così, ma in questo santuario le parole vengono da sé.
Forse, però, ho parlato troppo».
«Se si parla dritto, non c'è male nelle parole».
In quel momento
sembra che dal deserto risuoni l'armonica.

Ma non è un sogno.

Luna Tagliente sta suonando.

Conosce a perfezione il capolavoro di Bob Dylan, una nota dolente di gioia, che invita a non arrendersi, a stringersi insieme, a ravvivare il fuoco nel bivacco, in mezzo alla prateria, al centro delle tenebre.

Basterà questa canzone e la voglia di cavalcare insieme.

Sugli occhi verdi scivola la rugiada.

A occhio e croce ha più di cinquantanni, ma è ancora nel pieno di una stravolgente, raffinatissima bellezza. Come un fiore che a dispetto delle stagioni rimane fresco, la Frazer fa sospettare che il tempo non sia per tutti uguale.

Non è l'alba, è mattino inoltrato quando Anna riapre gli occhi.
«Ma è tardi... state aspettando me... ero molto stanca, scusatemi».
Luna Tagliente le porge una tazza di caffè caldo.
«Perché la sua vice non parla quasi mai?».
«Gli apache non danno importanza alle parole, men che meno alle nostre».

«Anche in quella canzone ci sono poche parole».
«È vero, tutto il resto lo dice la musica.
Se la sente di tornare in sella, signora Frazer?».
Passa una coppia di ciclisti.
Passa la sabbia sotto gli zoccoli.
Luna Tagliente indica l’orizzonte.
Lo Sceriffo si ferma e prende il cannocchiale.
Un folto gruppo di avvoltoi volteggia sulla prateria, ai limiti del deserto.
«Devo andare a controllare, signora Frazer.
Luna Tagliente la accompagnerà in paese».

«Non credo sia prudente separarsi dal suo vice. Le sono così d’impaccio qui dietro?».
«Dovrebbe chiederlo al vecchio Black».
«Il vecchio Black...».
Un nitrito risponde.
«Un altro che si farebbe in quattro per aiutarmi, scommetto».

«Si occupa di qualcosa nella vita?».
«Sì, di non farmi pestare i piedi».
«Questo sarà utile.
Luna Tagliente, dalle una stella.
Non voglio comuni civili tra i piedi quando lavoro.

Tu, ragazza di campagna, le insegnerai quello che sai, e tu, Frazer - che vieni dalla città - insegnerai a lei come sopravvivere nelle condizioni più estreme.

Sei in prova, ragazza, non dimenticarlo».

E con un colpo di sperone, sferza il vecchio Black e le reni di Anna, lanciandosi lungo il pendio.

Il bestiame di Wilcox è stato avvelenato, le solite vecchie storie.

La Frazer ha imparato a cavalcare e a sparare. È una dura, la città l’ha resa forte.

Quel giorno lo Sceriffo è nella Riserva, Luna Tagliente a tradurre una detenuta nelle prigioni dello Stato, e Frazer di servizio in paese.
Quel giorno si spara.
Una banda di narcotrafficanti fa una scorribanda a Hot Water.
Arriva la chiamata d’emergenza, ma la Riserva non è dietro l’angolo.
Lingua Dritta si scusa con i Capi e sferza il vecchio Black.
Sul posto c’è anche il Sindaco, una brava persona; non c'è Anna, ma sempre meglio di ritrovarla a terra.
Lui, però, si fa raccontare i fatti dal vecchio Jack, che oltre ad essere una brava persona, ha la semplicità di chi lavora e non frequenta i politici.
«Hanno ammazzato Bill e fatto il colpo. E preso Anna e Amabel, la figlia della signora Carson.
Erano una ventina, su quattro o cinque pick-up. Hanno sparato con fucili mitragliatori. Senza lo Sceriffo, nessuno se l’è sentita… beh…», con una vergogna oggi sconosciuta.
«Non si poteva fare niente, Jack».
Scuote leggermente la testa, non è convinto, qualcosa non gli torna.
«Sono andati in direzione del confine», conclude; mancava solo quello.
Poche informazioni, semplici e chiare, nello stile di una volta.
«Jack, portala al Sindaco».
Anche Luna Tagliente è rientrata, e in quel momento si sfila la stella e la lancia allo Sceriffo.
«No, tu no.
Perderai il posto.
Questo compito spetta solo a me».
Negli occhi dell’indiana la totale indifferenza a quelle parole.
«Luna Tagliente prendere scalpo o morire».
«Tu non prenderai niente, idiota!».
Quella, però, è già partita per l’Ufficio.
«Anche questa.
E non far muovere nessuno. Non servirebbe a niente.
Di’ alla mamma di Amabel che faremo il possibile».
«Sissignore».
Vorrebbe aggiungere qualcosa, ma quando gira la testa, lo vede a cinquanta metri, diretto all’Ufficio, dove presumibilmente farà ricorso all’armeria.

«Idiota! Non dovevi sparare!».
«E perché? Chi ce lo ha impedito?
L’abbiamo fatto anche a Rock Spring…».
«Non tutti i posti sono uguali, idiota!
Vi avevo detto che dovevamo prendere i soldi e basta.

Mettere pressione agli sceriffi della zona e fare uscire fuori chi ci ha fregato a Tres Cruces.
Pedro: tu e i tuoi uomini rimarrete indietro e controllerete la pista».
«Ma capo… i federali ci metteranno giorni a organizzarsi e noi siamo quasi alla frontiera…».
«Non ci sono solo i federali, imbecille.
Fai come ti dico o t’ammazzo.
E voi state lontano da quelle due, cabrones!
Ci salveranno le chiappe, se qualcosa dovesse andare storto».
«Ma cosa potrebbe andare storto, con questi?», e mostra, sicuro di sé, il fucile mitragliatore.

Sono prontamente scattate le indagini della Polizia di Stato sulla rapina che è costata la vita all’impiegato postale di Hot Water, Bill Walker.
Proprio in questo momento, purtroppo, Sceriffo e Vicesceriffo di Contea risultano dimissionari.
Se venisse confermata l’ipotesi del rapimento di due donne, interverrà anche l’FBI. Mentre, qualora le tracce portassero in Messico, scatterebbe subito la rogatoria internazionale.

Secondo talune indiscrezioni, l'impennata di rapine registrata negli ultimi mesi sarebbe da ricondurre al colpo presso la banca di Tres Cruces, in cui la piccola filiale è stata alleggerita di una cifra enorme, ritenuta provento del narcotraffico.
E passiamo ora…

È la televisione dell’unico saloon di Hot Water.
Gli sguardi bassi.
Non si poteva fare niente.

«Luna Tagliente fatto segnali a gruppo di idioti, con tavoletta che brilla», è un raro momento di pausa, per far rifiatare i cavalli e osservare il territorio.
«Hai fatto bene. Due idioti sono già molti.

Mandali via.
Non è più tempo d’ombre rosse.
Siamo quasi in Messico, se quella nuvola di polvere è la loro, ci passeranno sotto il naso tra non molto: un pick-up che passa sopra le pietre lo devono ancora inventare.

Si sentiranno al sicuro e si sbronzeranno».
«Lingua Dritta ha parlato».
«Devono avere un covo poco oltre il confine.
Per prima cosa si spartiranno i soldi».
«Lingua Dritta ha parlato».
«Ma noi li aspettiamo alla Gola del Puma, dove un winchester può tenere fermo un reggimento.
Vamonos».

Cavalca con occhi vuoti.
A stento nota il braccio teso di Luna Tagliente.
«Grande Signora non appare a tutti».
L’aquila volteggia in cima alla gola. Sembra aspettarli.
It's getting dark, too dark to see.
That cold black cloud is comin' down.

Il sole è ancora alto, ma intorno a lui si fa ombra.
Il bandito sta per sparare.
Lui ha un solo tentativo.
Punta il fucile.
Non può sbagliare.
BANG
E invece sbaglia.
Lo Sceriffo ha bevuto il veleno da cui non si fa ritorno, che non conosce antidoto, che gli fa sbagliare cose che per lui sarebbero facili.
Con la coda dell’occhio vede Luna Tagliente tingersi il volto in piena corsa, sfrenata come soltanto una guerriera apache può essere quando affronta la morte.

Forse è meglio che non sia riuscito a convincerla.

I pick-up sono quattro.
Il fondo della gola è cosparso di chiodi a quattro punte.
Urla di disappunto si alzano dai veicoli, moltiplicandosi sui ripidi crinali.
Il primo pick-up si ferma non lontano da un saguaro contro cui è stato affisso un foglio di carta.
Quando le voci si placano, suona l’armonica.
«E questa musica, che cazzo è?», esclama l’autista del capo.
«Non conosci Bob Dylan, idiota!?».
È il segnale per Anna.
Siamo venuti a prenderti.
Le pareti sono quasi a picco, l’eco è ripetuto mille volte, impossibile individuare l’origine del suono.
«Vallo a prendere», gli indica il foglio.
«Ma…».
«Muoviti…», gli ha già puntato la pistola alla tempia.
E quello - anche se riluttante - va.
«Leggi».
«Tu il dinero, io le donne e chi ha sparato a Bill. E non ci facciamo male. Vai avanti a piedi e lascia il resto sul posto. Lo Sceriffo di Hot Water.
Ma che cazzo vuol dire?».
«Figlio de puta… anche il giorno in cui doveva stare in mezzo ai musi rossi...
Passa il megafono, muy rapido…
CABRONES, APRITE LE ORECCHIE!
SIAMO SOTTO TIRO, NON FATE CAZZATE!
HO FATTO UN PATTO.
ANDREMO AVANTI A PIEDI, CON TUTTI I SOLDI, E NON SUCCEDERA’ NIENTE.
LASCIATE LE DONNE DOVE SONO.
FUORI, CABRONES!».
Si radunano intorno al pick-up di testa.
«Paco, vieni qui».
«Che c’è, capo…».
«Comincia a correre… da quella parte…», indicandola con un breve cenno della testa.
«Ma… ma…», e - anche se riluttante - comincia a correre.
BANG
BANG
Fa solo pochi passi e il capo gli spara alla schiena.
«Ecco che succede a chi fa cazzate, cabrones!
Vamonos…».
Se ne vanno.
Sono tanti.
KABOOM
L’esplosione è un semplice avvertimento.
Non tornate indietro.
Non sono solo.
Il capo della banda lo ha capito subito.

Anna è già in groppa a Black.
Non le ha detto nemmeno una parola.
Stava tutto in quello sguardo.

«Prendo questi…

Scusi, mi sente?».
Il gestore dell'emporio rimane incantato sulle telecamere di sorveglianza.
Due cavalli sono entrati nella main street del paese.

Vanno a passo lento.

Hanno battuto sentieri selvaggi.
«Scusi, ma dove va?», il cliente è di passaggio.
Ai lati della main street tutto si ferma.
«Ma chi sono?», domanda il cliente al gestore, dal marciapiede.
«È lo Sceriffo».
«Lo Sceriffo? Io non vedo nessuna stella…».
«Bastasse quella…».
Un vecchio si alza a fatica dalla sedia a dondolo e si porta in mezzo alla strada. Si regge in piedi con un bastone. Nell’altra mano ha una busta. Forse è il più anziano del paese.
«Maledetta artrite…».
«Ci vuole altro per metterti ko, Fred».
«Giovanotto… il Sindaco di questo posto mi ha lasciato qui ad aspettarti.
Io non so perché non l’abbia detto a qualcun altro».
«Fanno lavorare sempre gli stessi, Fred».
«Mi ha detto… che hai perduto queste…».
Gli allunga la busta, ma lui non la prende.
«A me farebbe piacere che tornassero al loro posto…
Alla mia età non sai mai quello che può succedere.
John… vecchio demonio… vorrei che tu la riprendessi subito».
La prende.
E se la mette, lanciando l’altra a Luna Tagliente.
«Grazie, Fred.
Cerca di riguardarti, perché non so se ne verranno altri.
Che fine hanno fatto gli uomini come te?».
«L’artrite… se l’è portata via l’artrite… maledetta artrite».
Dietro di loro, il pianto di gioia della signora Carson, che riabbraccia la figlia.
Una scena d’altri tempi.

Nuovo successo per la Polizia dello Stato, le cui serrate indagini hanno portato al rilascio delle due donne rapite nella Contea di Hot Water.
In caso di necessità, rivolgetevi con fiducia al numero di emergenza in sovraimpressione, attivato per far fronte all'emergenza rapine.

«Diablo! Mi voglio segnare quel numero… in caso di necessità…», esclama ironico il cantinero messicano dell’unico saloon di Hot Water. «Però hanno una bella fantasia quelli lì, Sceriffo…».
«Beviamoci sopra, Pancho.
La verità ha sempre sei colpi. E non sbaglia mai».
«Salud!».
Bevono un sorso insieme.
Ci sono tanti messicani in quella terra.
Lo Sceriffo deve conoscere tutti.

Però non è facile conoscere tutti, nemmeno per uno Sceriffo.

Fata Morgana,

La MORTE SEGUE LA TUA OMBRA

di Salvatore Conte (2024)

C'è un grande fiume, ma non siamo in Africa, né in America: siamo a Londra.
Fata Morgana è la potente boss della Mafia dei Docks, l'anguilla del grande fiume di Britannia, perché non riesce a prenderla nessuno; ma non certo per il corpo leggero e guizzante, che in effetti è un vecchio e solido monolito, con due zinne da vacca.

Si è fatta le ossa tra canali, banchine e anse del fiume.

La carne, invece, se l’è portata da Newcastle.

Nonostante l'età matura, era ancora solida e potente, prima di andare a sbattere contro un tumore galoppante all'intestino.

La Fata, però, non si preoccupa del tempo che le rimane: ciò che conta è il presente, la camicia bianca gonfiata dalle tette e allentata fino allo stomaco; il suo marchio di fabbrica; ne è passata d'acqua sotto i ponti, da quando era una giovane puttanella delle periferie degradate; Morgana è un grosso pesce nato nel Tyne e che ha preso il largo, risalendo il Tamigi.

Ma sembra venuta dal bagnato Norfolk, dove l'erba è grassa e - tra la nebbia - si intravedono le solide sagome delle vacche al pascolo.

Morgana è sempre molto ricercata; adesso poi la cerca - con un mandato d'arresto internazionale in mano - anche l'Ispettore Brannigan della Polizia di Chicago, quale presunta mandante di un omicidio commesso nell'Illinois.

«La Fata deve essere eliminata», l'ordine parte dai piani alti di un grattacielo della City.

C'è però chi va per le spicce e odia la burocrazia.

È la stessa Scotland Yard che provvede alla sua sicurezza, utilizzando il comodo artificio di un testimone sotto protezione nella residenza adiacente. Un boss di un certo livello è inserito nel sistema e quasi nessuno dei pezzi grossi ha voglia di rivederla stesa sotto un lenzuolo, fino alla faccia...
Quella mattina, però, non c’è nessuno.
Conosce a perfezione gli agenti in borghese che controllano la strada.
L’autista, invece, è puntuale.
Non ha timore, deve trattarsi di una semplice carenza di personale.
La portiera se la apre da sola, non vuole sembrare più vecchia di quello che è.
«Fate la carità…», un barbone allunga un malridotto cappello a tuba.
«Pezzente…», sibila sottovoce, voltandogli le spalle.
Quello, però, dal cilindro non tira fuori un coniglio.
«Morgana...».

Ascoltando il suo nome, le viene istintivo girarsi.
Quello tira fuori un silenziatore. Innestato e macabro.
STUMPF!

STUMPF!
Due colpi nella pancia!
La Fata impietrisce.
E le prepara anche il colpo di grazia in pieno petto, alzando lievemente il tiro.
POW!!
POW!!
C’è però sempre l’autista, ben armato, che mette un braccio fuori dal finestrino e spara.
Il barbone ha raccolto qualcosa. Si tratta di piombo. È comunque un metallo.
STUMPF!
Il colpo di grazia lo spara lei: nella borsetta porta un giocattolo che non fa rumore.
Ed entra in macchina come niente fosse.
«Vai…
Andiamo al covo segreto…
Farò venire un dottore…
Non posso fidarmi di nessuno…
Almeno tu… non sei stato comprato…».
La delusione è cocente.
«Mi dispiace, capo, ma hanno comprato tutti…».
«No! Ti prego!».

È vecchia e malandata, ma alla pelle ci tiene ancora.
POW!!
Un colpo in pieno stomaco.
Rimane basita, bocca spalancata e occhi fuori dalle orbite.
Sa che adesso è finita.
Morgana stramazza sul sedile posteriore.
L’autista procede e si ferma nel posto convenuto.
Viene estratta dall’auto e scaricata in un canale.

«Tira su, dai. Io tolgo gli ormeggi».
Il Tamigi è ricco di pesci e di pescatori.
Vi sono anche tante anguille.
Ma questa è molto più grossa del normale.
«Per tutte le baldracche dei Docks, ma che roba è…!».
«Ma questa… è… la Fata...!
Tira giù adagio…».
«Guarda che buchi…
Chi l'avrà ammazzata?».
«Cazzo... la vecchia troia è andata...

E pensare che temevo morisse di cancro...

Guarda che pezzo di fica alla sua età...».

«A me sembra una vecchia bagascia...».

«Ascolta... non è in acqua da molto... proviamo...».
«Proviamo cosa?».

«A farle un massaggio!».
«Non è meglio se…», il pescatore si guarda intorno, la zona è poco frequentata, nessuno si è accorto di niente; i pochi esseri umani presenti proseguono annoiati nelle loro attività, sembrano più zombi che persone viventi, non reagirebbero nemmeno se la Fata dei Docks fosse ripescata dal Tamigi.

Il compagno ha collegato i piedi della donna alla batteria dell'imbarcazione.
«Solo il circuito ausiliario, capito?

Forza, attacca!».
«Che cosa?».
«Attacca!».
ZUUMMM!!
«Per il Re e San Giorgio!

Respira!».
«Falle sputare tutta l’acqua e portiamola sotto».

«Lo scotch, presto… e l’ovatta…».
«È andata, non lo vedi?».
«Però respira».
«Se le hanno fatto la festa, la faranno anche a noi, non capisci?».
«Se invece si riprende, ci sarà un grosso premio, non credi?
E poi è ancora un pezzo di donna, ce l'hai gli occhi?».
«A chi... devo... mandarlo...», è Morgana che sospira, con voce oltretombale.
«Chi... cosa... il premio... io... noi vi stiamo aiutando, signora... non ci aspettiamo niente in cambio».

L'amico lo guarda stupito.
«Siete... stati... bravi…», sussurra la Fata con un filo di voce. «Volevano... fottermi...», abbassa lo sguardo sui buchi, e lo rialza più spaventata di prima. «Non chiamate… nessuno… fate... come... niente... fosse...».
«Come volete».

«Le vecchie... raffinerie... andiamo là... ma rimanete... nascosti...».

«Va bene, le conosciamo, c'è buona pesca da quando sono chiuse.

Fred, accendi il motore. Io rimango con lei».

L'Ispettore Brannigan non crede alla storia della misteriosa scomparsa di Lady Morgana, è convinto che Scotland Yard lo voglia bidonare; ha saltato alcuni appuntamenti in ufficio, e un barbone c'è rimasto secco, ma questo non dimostra che la signora sia stata rapita; così si dà da fare per conto proprio e combina un bel casino tra le sonnolente anse del grande fiume.

«Fammi bere… non reggo più…», la richiesta di Morgana è pressante.
La vecchia Fata fissa dal basso il ponte del piccolo peschereccio, cercando disperatamente di protrarre l'inevitabile fine.

«Tirami su le gambe... presto...», ancora una richiesta, per cercare di mandare più sangue al cuore. Le prova tutte. «Pescatori… potere... pallottole... la Fata muore...», sussurra farneticante, nel delirio dell’agonia.
«Scusate, boss… non potremmo trovare brutte sorprese, in questo posto…?».
«Morgana... hanno eliminato... Fata Morgana...», spaventata e incredula di ritrovarsi così, in fin di vita, nonostante l'insperato ripescaggio.
«I vostri uomini… lo conoscono?».
«Uomini... morti… uccisi dalla Fata... adesso tocca a lei... maledetti... mi volete morta... via... andate via...», agita la mano, come a scacciare delle ombre.

Bill si allontana per qualche istante.

«Ho chiamato il nostro veterinario», dice a Fred. «Tenterà qualcosa. La Fata non merita di crepare così...».

«Sei impazzito? È finita... non lo hai capito? Così passeremo dei guai...

Non se la caverebbe nemmeno all'ospedale».

«Lei si fida di noi...

Ricostruirà il suo impero grazie a noi... diventeremo potenti».

«Quella è solo una vecchia puttana... e forse è già crepata mentre stiamo qui a parlare».

A Bill viene l'atroce dubbio che Fred possa avere ragione.

Torna subito a controllare.

Tutto regolare.

Il veterinario li aspetta alle vecchie raffinerie.

Ma non può certo immaginarsi un pesce tanto grosso.

«Posso aiutarla a tirare avanti, ma non ne ha per molto.

La ferita allo stomaco è mortale.

E poi è malata di cancro: vedete? Questi gonfiori sono accumuli di ascite, liquido tumorale dei malati terminali.

In ogni caso da qui non si può muovere, va tenuta con le gambe sollevate e sotto costante osservazione».

«Te l'avevo detto, io...», sussurra Fred, nell'orecchio dell'amico.

«A meno che...», Bill, proprio lui, rimane appeso all'amo, «non mi facciate provare un farmaco di mia invenzione, ancora alla fase sperimentale.

Su alcuni pesci ha funzionato».

«Ma... è assurdo...», replica Fred.

«Avanti, John... provaci... la torta è grande e c'è una bella fetta anche per te».

«Non prometto niente, sia chiaro.

Il farmaco, se tutto funzionasse, stabilizzerebbe l'emorragia allo stomaco».

«Molto bene. Puoi farcela, John.

Ti lasciamo con lei».

«Io... io... non voglio crepare... senti... senti che roba...».

Rimasta sola con il veterinario, Morgana gli prende la testa e se la preme contro le zinne.

Lui rimane paralizzato, sotto l'incantesimo della Fata.

Soltanto un muscolo si muove; e cresce...

Anche in fin di vita, la grossa bestia del Norfolk colpisce ancora!

Qualcosa, però, non fila per il verso giusto.

La Fata si sente mancare!

Spalanca la bocca... cerca di compensare!

Sta rantolando!

Morgana stringe il culo, la situazione le sfugge di mano!

Ma il veterinario è già intervenuto. Ci sa fare.

La Fata può rifiatare.

«Veterinario... vita... vendetta...».

La grossa puttana ha ancora il controllo.

E continua a sguazzare nelle acque torbide del grande fiume.

L'Ispettore Brannigan ha fiutato la pista giusta; alle raffinerie dismesse è arrivato - via terra - anche il vecchio bisonte americano, e si è portato dietro mezza Scotland Yard.

Nella banda della Fata si è subito aperta la lotta per la successione al potere e quello è il loro covo segreto, dove vanno regolati i conti.

Morgana aspetta in disparte. Hanno cercato di fotterla e ci sono quasi riusciti. Ma senza di lei al comando, andrà male anche a loro, ne è convinta.

E ha tutte la ragioni del mondo.

Bisogna avere la scorza dura per nuotare a lungo nel grande fiume.