La Mummia colpisce ancora

Inutile fuga

Avanti, c'è spazio

Pallottole e pupe

ZTL tragica alle Cisternole

Zombi-Cessa incassa e ammazza

La Minotaura

LA MUMMIA COLPIsce ANCORA

di Salvatore Conte (2024)

Il caso non è di quelli comuni.
L’Agenzia di Jack Thunder annovera clienti molto particolari.
Ciò gli ha consentito di mettere su un po’ di grana e di assumere finalmente una segretaria.
Le cose sono andate come vanno di solito.

Si è presentata al colloquio con una camicetta sbottonata fino allo stomaco e un sorriso sardonico sul volto da sfinge.

«Prima mi facevo mantenere, adesso ho bisogno di lavorare... non ho nemmeno i soldi per la tinta...».

Anna Frentzen ha due divorzi e un passato oscuro alle spalle; si è tirata fuori da un tumore per miracolo; sfondata da troppi cazzi, di lusso e non, come donna è finita, ma si tiene a galla con i suoi camicioni sbottonati da vecchia puttana.

Per commuovere il suo nuovo datore di lavoro, senza che ce ne fosse bisogno, ha prodotto tutte le cartelle cliniche. Ce l'aveva all'intestino, bello grosso, si era allargato parecchio, mettendola in pericolo, ma l'hanno bombardato con le radiazioni e adesso è passivo e in riduzione. Ha vinto da bestia; qual è.

«Non c'è il rischio che ritorni, più aggressivo di prima?», le chiede Thunder.

«Certo che c'è, ma lo bombarderei di nuovo: una come me non si fa fregare...», un linguaggio fin troppo disinvolto, vuole subito mettergli le zampe addosso.

«Sei potente...».

«Me la cavo».

La segretaria ha fretta, perché il tempo non gioca a suo favore.

Anna ha un'età importante, anche se riesce a gestirsi.
Infatti ha conservato uno strano fascino, nelle cui spire è rimasto invischiato proprio Jack Thunder, 20 anni più giovane di lei.

Smaliziata, quasi feroce, gli ha dimostrato di saper usare il grilletto delle pistole meglio dei tasti del computer.
E così, ormai sono soci.

«Se torna, sono finita».
«Torna, chi?».
«Il cancro».
«Hai detto che l'avresti sistemato di nuovo».
«Era una battuta: se torna, non si ferma più… mi ha scavato di brutto, sembravo fatta...», ha voglia di farsi compatire.
«Per quanto abbia scavato… è rimasta tanta roba…», si avvicina con due bicchieri di whisky. «Alla tua vittoria, Anna…».

Il liquore gli fa pregustare il trionfo.
È ormai da parecchio, infatti, che se la porta a letto.
E benché non tutti la ritengano un grosso trofeo, lui è contento così.
Qualcuno dei colleghi l'ha ribattezzata “la Mummia”.
In effetti Anna si è fatta vecchia, si è imbolsita, anche se cerca di tenersi; ha 20 anni più di lui, non è una storia che possa durare.

Anna ha smacchiato la cresta fino all'ultimo capello grigio. Veste distinto, non si è ingobbita ed è rimasta formosa nei punti giusti.

Insomma è ancora una grandissima puttana, anche se con un tumore nella pancia e vari scheletri nell'armadio.
E lui se la gode, senza farsi troppi problemi.

«Hai saputo scegliere, Jack. Non sono finita. E tu lo sai... col tempo la differenza di età non si noterà più.

Stai tranquillo... continuerò a curarmi, è tutto sotto controllo; non mi farò decrepita, so gestirmi, con me vai sul sicuro...», facendosi sotto, allo stesso tempo, per farsi toccare, dare e ricevere conferma, con i suoi toni da imbalsamatrice.

«Devi curarti con attenzione, ma non sei finita, Anna».
«Infatti.
Ai tuoi amici, invece, piacciono le sgallettate d'oggi. Ho visto come mi guardano.

Come fossi una scarpa vecchia».
«Ti guardano così perché ti vorrebbero mettere le zampe addosso, Anna».
«Basta stronzi, Jack».
«Pienamente d'accordo».

«Se credi in me, durerò molti anni. Non mi lascio andare. Non sarò mai decrepita».

«Io credo in te, Anna. Dureremo più di loro, più di tutti...».

Gli prende la testa fra le mani e l'accompagna in mezzo alle tette.

Anna porta una giacca verde-petrolio, senza niente sotto... le spalline imbottite, unite alla sua prestanza, la rendono ancora più imponente: le mancano solo i gradi da generale.

Le zinne cedenti le cadono a penzoloni sulla pancia gonfia.

«La Mummia colpisce ancora...», mormora a Jack, rivelando un'insospettabile vena di humour, per una che è considerata una puttana spremuta, ormai fuori dai giochi.
«Lascia perdere quegli imbecilli...».
«E perché? Le mummie hanno molti poteri...»
«Come te, allora. Va a finire che hanno ragione...».
E la barca va...

L'Organizzazione ha subito un ammanco da 10 milioni di dollari.

Un colpo sospetto in una filiale bancaria preposta al riciclaggio.

Così i boss, oltre a sguinzagliare i propri uomini, hanno ingaggiato gli investigatori privati di riferimento.

C'è Jack Thunder.

E c'è anche Kelly Madison. Una dura.

Fra loro non è mancato del tenero.

Entrambi, però, brancolano nel buio.

«Ho una notizia che può interessarti».

«Sputa».

«Non per telefono.

Vediamoci tra mezzora al luna park abbandonato.

Porta gli attrezzi...».

Piove forte sulla ruggine del vecchio luna park.

FLOP

FLOP

Una figura sfuggente, infagottata in un impermeabile di vinile nero, con il cappuccio calzato sulla testa, ha appena saldato il conto, senza far rumore, a due giovanotti troppo fortunati.

Il terzo del gruppetto c'era rimasto secco all'interno della banca.

La soffiata era giusta.

I 10 milioni ci sono tutti.

«Tesoro, non mi servi più...».

«Maledetta...».

FLOP

FLOP

L'ex marito merita due colpi tutti per lui.

Barcolla e stramazza addosso a uno dei mostri di cartapesta rimasti disoccupati nel tunnel dell'orrore.

Ora fa parte della scena.

«Mettila giù, adesso.

E non fare scherzi, se ci tieni a vivere».

Il luna park non è morto del tutto, perché la giostra del piombo funziona ancora.

«C'è anche Jack?».

«C'è anche lui».

«Te lo sei scopato?».

«Ho già il mio uomo».

«Non dovevi essere da tua sorella, questa sera, Anna?», Jack Thunder la fulmina con lo sguardo.

«Un cambiamento di programma, Jack.

Il tempo di ammazzare il mio ex marito e recuperare i 10 milioni.

Non lavoravamo a questo?».

«Dimentichi che l'Agenzia è la mia, e che tu dovevi avvertirmi, anche se andiamo a letto insieme».

«Va bene, ho fatto la stronza...

Ma non sono la tua puttana, io e te ci amiamo.

Che vuoi fare adesso?

Farmi sparare da questa troia col suo cannone?

Mi perderesti per sempre, Jack».

«Intanto metti giù il ferro, bambola.

O ti farai male.

Kelly non scherza».

«Okay, okay... non voglio buchi nella carcassa», la Frentzen lascia cadere la pistola.

«In ogni caso i soldi vanno restituiti al cliente», tuona Jack.

«Vuoi scherzare?!

Questo è un maledetto mucchio di grano e sai bene che il cliente non è per niente in regola.

Ha denunciato un ammanco di soli 200.000 dollari. Sono la tua segretaria, lo sai...».

«È gente pericolosa, meglio starci a credito che a debito.

Inoltre hai complicato le cose con la morte di questo idiota...

Arriveranno fino a te».

«Davvero pensi che starò qui ad aspettarli?».

Un lampo crudele le brilla negli occhi.

Nonostante l'età, ha la prontezza di scagliare un manichino del tunnel contro la Madison! E per pura fatalità si tratta proprio di una mummia...

Anna ne approfitta per sgusciare via dalla fatiscente struttura con la preziosa valigetta nella mano!

L'investigatrice, però, non la molla.

La inquadra nella zona dell'autoscontro, un ampio piazzale punteggiato di macchinette incrostate dalla ruggine.

Qualche vecchio lampione funziona ancora. È in grado di colpirla.

«Mi dispiace, Jack».

«Anna, fermati!», tuona da lontano Jack Thunder.

POW

Kelly spara il primo colpo.

È un revolver di grosso calibro, da stringere con due mani.

Il colpo sembra andato a vuoto, perché Anna prosegue la sua corsa normalmente, tra una macchinina e l'altra, nonostante l'età e il grosso tumore annidato nell'intestino.

La Frentzen è sicura che Jack, in qualche modo, le coprirà le spalle.

La Madison, però, non si commuove ed è un'ottima tiratrice.

E sta per aggiustare il tiro.

POW

Il secondo colpo arriva a segno!

Entra nella spalla, ma la Frentzen non sembra nemmeno accorgersene, talmente è decisa a fuggire con i soldi e a salvarsi dalla sedia elettrica.

L'obiettivo rimane la sua auto, nascosta dietro le montagne russe.

«Anna, ti farai uccidere!», Thunder prova a fermarla con le parole.

Kelly con il piombo.

POW

Il terzo sparo raggiunge la Frentzen in piena schiena!

L'amante di Thunder accusa per la prima volta il colpo, perde l'equilibrio come avesse incespicato su qualcosa e per un attimo sembra destinata a scontrarsi con qualche macchinetta; tuttavia, rimessa in asse dalla sua folle disperazione, riprende a correre più di prima!

POW

Il quarto colpo la raggiunge ai reni!

Per un attimo la Frentzen sembra ignorarlo, ma subito dopo la sua falcata si appesantisce e l'amante di Thunder comincia a caracollare.

Cerca disperatamente di riprendere l'equilibrio, come fatto poco prima, ma stavolta è troppo anche per una troia invasata come lei.

Il gioco è finito.

La Frentzen si abbatte contro una macchinetta, spostandola in avanti come avesse incamerato un gettone, nonostante la ruggine la bloccasse lì da tempo.

L'inerzia è tale che per qualche momento, afferrato il volante, la donna di Jack Thunder riesce a guidare schivando le altre macchinine presenti sulla pista.

POTCH

Come ai vecchi tempi, lo scontro è però inevitabile.

Il gettone è finito.

Kelly e Jack sopraggiungono subito.

Anna è rimasta attaccata al volante.

La valigetta è finita sul sedile, se l'è portata dietro fino all'ultimo.

Sull'impermeabile di vinile, nonostante il fondo nero, si notano i tre grossi buchi prodotti dal revolver di Kelly Madison: uno sulla spalla e due sul dorso.

La collega di Thunder la mette seduta in posizione normale, all'interno della piccola macchina; con la sua imponenza, Anna occupa quasi tutto il sedile e le gambe vengono divaricate per farle entrare.

La Frentzen è un castello di carte che può crollare al minimo soffio. Ma deve stare dritta.

Poi le allenta il colletto dell'impermeabile, per farla respirare meglio.

Jack è infatti paralizzato.

Anna ha lo sguardo confuso e la bocca spalancata: le manca l'aria, per la gran corsa, e per il polmone bucato dal revolver.

«Apri tutto... troia...», nonostante la situazione, Anna non perde la sua arroganza.

Kelly continua ad allentare l'impermeabile: sotto di questo Anna indossa il camicione rosa che piace tanto a Jack, già sbottonato fino allo stomaco.

Era tutto studiato per provocarlo in caso di bisogno.

«Ma come diavolo hai fatto a metterti con una stronza del genere?», chiede Kelly a Jack, con il dovuto sarcasmo. «Sta crepando e pensa a fare la puttana...».

«Kelly...!», Anna chiama disperata, dopo aver vomitato un fiotto di sangue nero. Sta morendo.

«Anna!», la Madison si commuove, impietrita.

E ammirata da quella scollatura...

«Anna... stai calma... te la caverai... io non volevo...».

«No... sei una puttana... cough... mi hai tolto di mezzo...

Ho paura... aiutami... cough-cough...».

La Frentzen le frana addosso, è isterica, sa che è tardi per salvarsi.

«Anna... risparmia il fiato... non perdere il controllo...

Jack farà sparire il corpo di tuo marito, tu verrai ricoverata in una clinica privata, dove non faranno domande».

«Io... cough... non sento le gambe... ho paura... cough...».

«Anna... toglimi una curiosità da donna... tu lo ami davvero Jack, o è stata solo una finzione?».

«Sono sua moglie... cough... il terzo è quello giusto...».

«Molto romantica...

Comunque lui ti ama sul serio.

E anch'io ho scoperto le tue qualità...», le tocca le zinne...

«Le tue... sono più grosse...».

«Ma a lui piace la tua aria da troia...

E anche a me... we're doing fine, baby...», insistendo sulle zinne.

«Kelly... io sono una puttana... e muoio da puttana... hh... ggh...», Anna spalanca la bocca e sembra sul punto di crepare.

«Anna!».

Kelly le strizza le zinne, scivolando con le mani nel camicione sbottonato.

Avrebbe dovuto farlo Jack, ma l'uomo è sconvolto e depresso.

«Hh... Kelly...».

«Anna... ti ascolto, cara... parla... parla...», la Madison vorrebbe farla reagire.

«Fai presto... hh... mettimi 100 dollari... ghh... in mezzo alle zinne...».

Una richiesta folle, ma nello stile di Anna.

Kelly non ci mette molto ad accontentarla: apre la valigetta e le infila un pezzo da 100 nel camicione, come si fa con le puttane di lusso.

«Cara, questo centone è per te: te lo meriti tutto, bambola...».

Anna abbassa per un attimo lo sguardo e si morde la lingua, per l'eccitazione e il rimpianto.

«Cara... ho un'ansia terribile... erghh... come se...».

Come se stessi morendo, Anna?

Kelly non ha il coraggio di sbatterglielo in faccia.

«L'ambulanza sta arrivando, Anna. Un ultimo sforzo e poi ti sentirai meglio».

La Madison in quel momento sente una strana puzza e capisce subito, prima che la Frentzen metta insieme qualche parola.

«Scusami... ma ho paura...».

Anna si è pisciata addosso.

«Il panico può uccidere più di una pallottola, cara.

Pensa ad altro... pensa alle tue zinne... ai tuoi camicioni sbottonati...».

Kelly sa che Anna non farà in tempo a raggiungere l'ospedale, ma non vuole scoraggiarla. La morte sta per sorprenderla, è questo il tipo di ansia che consuma l'amante di Jack.

«E se crepassi... cough... se non facessi in tempo...», Anna sembra averle letto in testa.

«Questo non può accadere, baby. Tu non vuoi morire. Hai saputo sconfiggere un cancro terribile, me l'ha detto Jack».

«Ma lì... ho avuto tempo... per organizzarmi... cough...».

Kelly sa che Anna ha ragione e sta inventando una risposta per tranquillizzarla, mentre lei attende ansiosa.

«Il tempo lo devi trovare tu, cara. Non te lo regala nessuno.

Guardati le zinne...».

Anna abbassa un attimo lo sguardo e risponde: «Una con le mie tette... cough... non può morire...».

«Brava, cara... così devi ragionare...

Sei bella tutta... non hai solo le zinne».

Con Anna che rantola, al culmine dell'agonia, praticamente già cadavere, Kelly continua a divertirsi, tenendo seduta la gran troia che lei stessa ha colpito a morte.

Un altro cadavere, il quarto della serata.

Se imbalsamata, potrebbe rimanere all'interno del luna park, nel tunnel dell'orrore, come la Mummia Sbottonata.

Kelly non si stacca più da Anna, che le vomita addosso sangue e sussurri disperati.

«M'ero salvata... dal tumore... ghh... e tu... m'ammazzi...», biascica, in tono gutturale.

«L'ambulanza è arrivata, Anna. Jack ti accompagnerà in clinica.

Non deluderlo».

INUTILE FUGA

di Salvatore Conte (2024)

Anna Frentzen e Nathalie Fadlallah: due socie, due sicarie.

«Ho avuto un contatto con la Spectre.

Provo a entrare.

Mi sono fatta notare».

«Non sei più una ragazzina, Anna.

Potrebbe essere pericoloso...».

«È sempre pericoloso. Ma finora me la sono sempre cavata».

«Lo credo, sei una strafiga, Anna... questo ti aiuta molto...».

Due donne pericolose, certo.

Qualche colpo nelle gioiellerie, una banca ripulita.

Okay... okay... anche alcuni lavoretti per conto di Jack Moreno.

Ma a chi può importare di un paio di troie freddate per disubbidienza?

Lavoretti puliti, in fondo. Due colpi di grosso calibro da una macchina in corsa. E amen.
Eppure Anna e Nathalie stasera hanno qualcuno alle costole.

Un'auto di grossa cilindrata sta per raggiungere la Mercedes nera che Anna guida con sicurezza, troppa sicurezza, pensando al suo prossimo incarico per conto della famigerata Spectre.

Stump! Stump!

Da dietro si spara verso le gomme della Mercedes!
L’auto sbanda ed esce di strada!

Anna frena bruscamente, ma vede proiettarsi dinanzi a sé il fusto di un grosso albero...

La distanza è troppo esigua e l’urto inevitabile!

Il muso della Mercedes si schianta contro la base del tronco!

Gli airbag fanno il loro lavoro, ma la Frentzen - come al solito senza cintura - sbatte violentemente contro il cuscino d'aria, perdendo i sensi.

La cintura tra i grossi seni spioventi della Fadlallah schiaccia invece il torace della libanese, lasciandola senza fiato per un istante.

L’auto è ancora avvolta dal vortice di polvere sollevato dalla frenata. Del fumo esce dal radiatore sfondato.

Nathalie cerca di svegliare la socia, scuotendola: «Anna! Dannata troia!»; poi, alzando lo sguardo verso l’esterno, vede l'auto attorniata da quattro puttanelle, armate di pistola.

Proprio stasera che non s'è portata la sua...

Si slaccia la cintura, urlando ancora: «Anna!! Ci ammazzano!!».

Niente da fare.

Apre lo sportello in preda al terrore e scappa verso il bosco, con il seno che quasi le schizza fuori dal giubbotto di pelle.
Una delle quattro ragazze, al cenno di una compagna, comincia a inseguire la Fadlallah.

La sicaria mira verso di lei e spara senza esitare - Stump! Stump! (1!) - raggiungendola alla schiena: il proiettile le fuoriesce dal petto formando un buco quasi invisibile.

Il colpo la fulmina, bloccandola a braccia aperte e gambe divaricate.

Con la testa pencolante all’indietro e il fiato mozzato, inarca la schiena. Ha lo sguardo sbigottito. Cerca in qualche modo di reagire, ma le gambe, ormai deboli, si piegano lentamente.

Cade in ginocchio: l’immagine di una sconfitta.

La sicaria, con la pistola puntata, cammina a passo rapido verso di lei.

Stump! (2!)

Parte un secondo colpo.

Il proiettile, entrando dalle reni, esplode dalla pancia ben tornita della Fadlallah, ma il giubbotto presenta solo un lieve difetto, una piccola fallatura.

Il suo gemito soffoca nel sangue che le sale su per la gola.

Una mano si preme sull'invisibile ferita, lo sguardo si perde smarrito verso l’alto.

Grande e grossa com'è, la Fadlallah non si rivela una buona incassatrice, tenuto conto che le sono arrivate addosso due pallottole calibro 22, insidiose, agili e penetranti, ma non devastanti.

Ha troppa paura di morire.

Dopo qualche fremito, stramazza a terra. Respira annaspando, soffocata nei tremori di un'agonia per ora immaginaria; è disperata, ansiosa e destabilizzata.

Sono lontani i tempi in cui godeva spensierata e si considerava invincibile.

Adesso ha paura di rimanere uccisa.

Se quella non si ferma, per lei è finita.

Eppure è stata potentissima.

E crudele.

     

La Fadlallah prova a strisciare, sollevando il culo e muovendo le gambe, come un verme che cerca una spinta. Arrivata a un albero, si avvinghia al tronco, risollevandosi con tenacia. Punta i tacchi nella terra umida e, mugolando a scatti, riesce a rimettersi in posizione eretta.

Vuole vivere, vuole salvarsi.

Nathalie ha un fisico bestiale, deve provare a sfruttarlo, a gestirlo, e a controllare con la testa una soffocante sensazione di morte, dovendo pur sapere di non essere una tanto facile da ammazzare.

Aveva molti progetti per sé. A quarantotto anni non si sentiva certo finita.

Era una splendida libanese, molto potente.

La killer la osserva compiaciuta ed eccitata.
Nathalie stringe l’albero come un ultimo amante. La testa le cade all’indietro. Offrendo alla sicaria lo spettacolo della sua agonia, con voce bassa e gutturale la supplica: «Non voglio morire... ti prego... non ammazzarmi…».

La sicaria, tuttavia, dopo aver liberato il viso dai capelli con un gesto deciso del capo, tende il braccio armato verso di lei.

La preda, ferita e implorante, non rassegnata alla propria fine, e molto bella, la eccita da morire.

Con la mano si sfiora una coscia e, accarezzandosi l’inguine, punta l’arma verso il bersaglio.

Nathalie mormora ancora: «Aiutami... ti supplico... non spararmi...».

Ma in balia di una irrefrenabile libido, la sicaria preme il grilletto senza fermarsi.

Stump! Stump! Stump! Stump! (6!)

La Fadlallah è investita da una scarica di proiettili che le crivella la schiena.

Si scuote convulsamente, abbracciando il tronco con tanta forza che le unghie le si spezzano quando, come artigli disperati, si conficcano nella corteccia.

Si sente attraversare dal piombo che le perfora il corpo. Le gambe si stringono come una morsa al fusto dell’albero. Solo la testa resta libera e oscilla a ogni proiettile che la trafigge.

Quando il fuoco cessa, la schiena rimane inarcata e tesa, mentre dalla bocca schiusa il sangue esce a fiotti. Piccole, ma terribili, come piranha.

Stremata, la povera Nathalie scivola lungo il tronco, e per qualche attimo rimane in una curiosa posizione, inginocchiata e contrapposta al tronco, la fronte premuta sul fusto, le zinne a pendolo e le braccia molli. È una posizione mistica, che rimanda ad antichissimi riti, anche se lei non lo sa di certo.

Il rito si realizza quando due grosse puttane, morenti o cadaveri, si ritrovano inginocchiate e contrapposte, una fronte premuta sull'altra, in un culminante, estatico equilibrio, le quattro zinne a pendolo che si sfiorano tra loro e con la terra.

   

Poi cede e si rovescia a terra.

Contorcendosi e curvando la schiena, prova a respirare gonfiando il torace bucherellato.

La killer si inginocchia davanti a lei, e le piazza in mezzo ai grossi seni la punta della canna, rovente di morte.

Ma neanche l'intenso calore riesce ormai a scuotere la Fadlallah: le palpebre tremolanti e lo sguardo offuscato.

Attimi di lucidità e la sua vista sfuocata si fa più nitida, concentrandosi sulla ragazza che le preme la pistola sullo stomaco. La vede palparsi tra le cosce. Sa che l’orgasmo della sicaria coinciderà con la sua fine e, non appena la ragazza accenna a una smorfia di piacere, Nathalie realizza che le restano pochi secondi di vita.

In un ultimo, disperato sforzo, urla il suo terrore con la bocca piena di sangue: «No! No!!».

«Sei finita... troia!».

Stump! (7!)

È il settimo sigillo.

«Urghh!!», Nathalie è esterrefatta...

Ha trovato la morte!

Niente vie di scampo. Eppure c'aveva sperato fino alla fine...

Il colpo di grazia le attraversa lo stomaco facendola sussultare bruscamente. L’ultimo spasmo la obbliga a sollevare il bacino e a inarcare la schiena. Poi il corpo si distende, la bocca si apre e gli occhi restano spalancati in uno sguardo ghiacciato. Cosi rimane per alcuni secondi: gli ultimi istanti di vita. Scalcia senza volerlo. Infine il suo corpo si irrigidisce, senza più mostrare segni di lotta.

La bastarda che l’ha ammazzata si sfila la mano dalle mutandine e si succhia avidamente le dita.

Prima di abbandonare quel meraviglioso cadavere, schiaffeggia il volto ghiacciato di Nathalie Fadlallah, sussurrando sprezzante: «Ti ho fottuto, stronza!».

Mentre la libanese cerca disperatamente di salvarsi, Anna riprende i sensi, sforzandosi di ricordare quel che è avvenuto.

Pochi secondi e il suo pensiero va alla socia che non è più al suo fianco.

Mette a fuoco lo sguardo e vede tre giovani puttane che le fanno cenno di scendere dall’auto. Impugnano delle classiche Ruger calibro 22, da 10 colpi. È un calibro da non sottovalutare, ma che non può mettere troppa paura a una bestia come lei.

La Frentzen non esita un attimo: apre lentamente la portiera, ma l'altra mano se la passa dietro la schiena - sotto il camicione rosa, portato fuori dai pantaloni e sbottonato aggressivamente fino allo stomaco - per afferrare la sua Beretta di grosso calibro, 15 colpi più quello in canna.

È sotto tiro e ogni suo movimento è controllato, ma l'airbag scoppiato la copre abbastanza.

La gamba sinistra spunta dalla portiera semiaperta. Poggiato il piede sul terreno, viscido di pioggia recente, il tacco dello stivalone affonda nella fanghiglia.

Una delle ragazze la provoca: «Su, bella... vieni fuori! Che aspetti?».

Anna abbassa il finestrino, solleva di scatto il braccio destro e preme il grilletto un paio di volte - Bang! Bang! - facendone fuori una.

Le altre due, allora, iniziano a far fuoco contro l’auto.

Stump! Stump! Stump! Stump! Stump! (3!)

Lo sportello è bersagliato dai proiettili e Anna si scuote sul sedile, ferita tre volte all’addome.

Cerca di reagire puntando la pistola contro le due bastarde. Ma non ha tempo per mirare di nuovo, perché le arriva addosso un’altra scarica di piombo...

Stump! Stump! Stump! Stump! Stump! (7!)

Anna è colpita ripetutamente, allarga le braccia e scalcia, inarcandosi sul sedile, mentre il busto le si riempie di piccoli fori, grandi come i bottoncini della camicetta, ma cuciti in ordine sparso.

Le sicarie interrompono momentaneamente il fuoco.

Anna stringe ancora la pistola nella mano destra, appoggiata di fianco al sedile. Il suo piede sinistro, fuori dall’auto, striscia lento sul suolo, avanti e indietro. Ha la testa piegata sul petto. Controlla le sue tette, che pulsano ansiose sotto la camicetta da puttana.

Anna comincia ad avere paura. Non ha ancora incassato colpi mortali, ma se quelle non si fermano, per lei sono guai seri, si gioca la pelle.

Anna Frentzen è una super cinquantenne sempre in tiro: stivaloni, camicette sbottonate, tette a penzoloni, carne che scoppia da tutte le parti; spregiudicata e aggressiva, finora non l'ha fermata nessuno.

Ruota lentamente il bacino e anche l’altra gamba si poggia sul terreno.

Stump! Stump! (9!)

Ma non appena prova a sollevare il braccio per sparare, la quarta sicaria, di ritorno dalla sua missione, la colpisce alla schiena, vigliaccamente e inaspettatamente; anche se adesso ha finito i colpi.

Sussulta e scivola dal sedile verso l’esterno, puntellandosi con la schiena al bordo del montante, riuscendo in qualche modo a mettersi in piedi.

Poi con lo sguardo torna sulle tre sicarie che, eccitate e impazienti di vederla morire, seguitano a osservarla.
Anna, però, non si dà per vinta, ritiene di poter assorbire i colpi presi e anche quelli che dovessero ancora arrivare.

E così, ancora una volta, alza il braccio destro per sparare, senza aspettare che siano loro a farlo.

Ma le sicarie fanno fuoco prima che riesca a puntare.

Stump! Stump! Stump! Stump! (13!)

I vetri del finestrino posteriore le si infrangono alle spalle.

La paura dilaga in lei, mentre si agita all’impatto dei piccoli proiettili che la trapassano. I piranha la stanno spolpando.

Bang! Bang! Bang!

Lascia partire alcuni colpi dalla pistola, solo perché le dita le si contraggono sul grilletto.

Colpi innocui verso il suolo.

Stump! Stump! Stump! Stump! Stump!

Anna gira su sé stessa, aggrappandosi all’auto e dando le spalle alle sicarie, che le sparano intorno ai piedi, per pizzicarle il culo, metterle addosso altra paura e farle ballare una sensuale danza della morte.

La Frentzen saltella quel poco che può, cercando di limitare i danni, sperando che quelle puttanelle le dimostrino un po' di rispetto e rinuncino a infierire su di lei, e così facendo scivola sul cofano posteriore, sputando sangue e gemendo, e puntando a terra i tacchi degli stivaloni per non cadere.

La grandissima mignottona si dibatte supina sul cofano, guardando il cielo stellato con occhi fissi e continuando a puntellarsi al suolo con le gambe divaricate. Butta sangue dalla bocca, ma poco o niente dalle tante ferite. La schiena, negli spasimi dell’agonia, sbatte più volte sul cofano. La mano destra, ancora armata della pistola, oscilla verso l’alto in cerca di chissà quale bersaglio.

È un grande spettacolo vederla morire.

E così, puntando al niente, la Frentzen spara...

Bang! Bang! Bang!

E mentre un fiotto più copioso di sangue sgorga dalla sua bocca...

Bang! Bang! Bang!

Altri colpi a vuoto sparati da Anna.

Bang! Bang! Bang!

Sta scavando una buca nel terreno.

Le sicarie la osservano eccitate e lasciano che sia l’agonia a farla crepare.

Nessuna di loro sembra avere il coraggio di spararle addosso altri colpi.

Stump! Stump! Stump! Stump!

Se non intorno ai piedi.

E intanto arriva un altro lungo lamento...

Bang! Bang!

Stump! Stump! Stump! Stump!

Ma non prelude alla fine di Anna Frentzen: uno sforzo disperato la fa rimettere in piedi.

Ha riacquistato un po' di fiducia e prova a salvarsi.

Muove qualche passo in avanti, in precario equilibrio.

È sempre convinta di poter raggiungere viva un'ospedale, non appena sarà possibile, e quindi di potersi gestire, perché in fondo quelle sono pallottole di piccolo calibro.

E le sue sono finite.

«Non sono... ancora... fatta... risparmiatemi... basta piombo... sono... una bella donna...

Non... posso... morire...», con la mano sinistra si stira addosso la camicetta per farlo capire ancora meglio, «non merito... di crepare...», in effetti è sempre una grandissima puttana.

Quelle, però, non la prendono troppo sul serio.

La preferivano mentre sparava a vuoto, appannata dalla fine incombente.

«Ho bisogno... di un dottore... sono... molto... più grande... di voi... ragazze... voi... non ucciderete... una donna... anziana...», impazzita dalla paura di morire, cullando la dolce speranza di potersi salvare, raggiungendo in tempo un ospedale ben attrezzato - forte della sua stazza e del suo carisma, che lasciano il segno anche sulle donne - Anna tenta fino all'ultimo di commuovere le sue sicarie con gli argomenti più strampalati.

Ma una delle tre si fa avanti e le punta la canna allo stomaco, a bruciapelo, per infierire su di lei e stroncarla una volta per tutte.

Anna impazzisce di rabbia.

«NO!!».

««No!»», anche le compagne si oppongono.

«E va bene...», qualcosa attira la sua attenzione in mezzo alle sterpaglie: una bottiglia di vetro, a collo lungo, rotolata dalla strada. «So io quello che fa per te...

Mettete la signora sul cofano davanti».

Comincia l'ultima cavalcata della Frentzen.

Gli stivaloni da mandriana e la bottiglia ficcata dentro, la sicaria che se la struscia addosso, sudata e sanguinolenta, e le altre due che guardano estasiate.

«Coraggio, vecchia troia... non lasciarti andare... la salvezza te la devi guadagnare...».
La Frentzen viene spremuta come una vacca, la testa le ciondola sul petto, ma non sembra perdere il controllo, pur con 13 fori d'entrata e altrettanti d'uscita, 13 bottoncini che si aggiungono ai 7 del suo camicione a tunica.
«Non ammazzarla subito, capito?».
Le compagne si preoccupano, la possente Frentzen - con i bottoni allentati - che annaspa e cerca di salvarsi, è uno spettacolo troppo allettante. Deve continuare.
La sicaria le tiene la canna pressata sullo stomaco, pronta a sparare in qualsiasi momento.

«Non farlo...», la supplica Anna, quando si scuote dal suo torpore. Le emorragie interne la stanno uccidendo. «Voglio un dottore... voglio... un'ambulanza...», adesso sta esagerando, ma la Frentzen ha fretta, sente la morte, non può morire su quel cofano con una bottiglia nella vagina.
«Adesso ti do io quello che ti serve...».

Ha capito.
«NO!!
««No!»», ancora una volta si oppongono anche le compagne.
Stump!
(14!)

Ma stavolta non ci sono rinvii.

La sicaria spara senza pietà. In pieno stomaco. Con l'ultimo colpo.
Un altro buco senza sangue.
Ma che fa male.
La Frentzen strabuzza gli occhi e sprofonda all'indietro, rovesciandosi lungo il muso dell'auto, le braccia larghe e la bocca spalancata, sbigottita, come se rimanesse uccisa per quell'unica pallottola; il collo della bottiglia ancora nella vagina, i tacchi all'aria, da vaccara che ha finito la corsa e vede spalancarsi la porta dell'obitorio!
È una visione spettacolare.
Lo sguardo è ghiacciato; le tette sudaticce premono contro la camicetta sbottonata, ma non si muovono.
Questa l'ha digerita male. Sono diventate troppe.

Piccole, ma terribili; i piranha si sono mangiati la Frentzen.
Però, grandissima bestia.
«Perché?!», protesta una compagna, quasi inviperita, mentre corrucciata cerca di cogliere uno spasmo.
«Si è fatto tardi, ragazze.

È incredibile quanta birra avesse in corpo. Voleva salvarsi a tutti i costi».
Però una di loro si accorge che i tacchi hanno degli spasmi, Anna è ancora viva, e per averne conferma le spinge la bottiglia nel ventre, mentre l'altra le ripulisce con un fazzoletto le labbra impastate di sangue.
«Incredibile quanto sei tosta; se fosse per me, ti chiamerei l'ambulanza...», le sussurra ammirata.
«Ne ha di birra in corpo in questa vacca...
Ma forse è solo paura fottuta di morire, che le ghiaccia il sangue...
In ogni caso, basta così.
Le ficcherei volentieri una pallottola in bocca, ma abbiamo finito i colpi, e anche lei.
Comunque poco male: morte o imbottite di piombo.
Ce ne possiamo andare.

Prendiamo Lucy».

«Ma almeno... sui giornali troveremo scritto come andrà a finire?».

«Come vuoi che finisca?

Con il ritrovamento di due bottiglie vuote.

Tre con la tua.

Di un fusto e due bottiglie.

Sì, proprio una puttana da Guinness».

«Però sarebbe stato bello scortare l'ambulanza che viaggia a sirene spiegate... mentre lei, dentro, si illude di arrivare viva in ospedale...».

«Le sirene sono inutili, per lei ci vuole il Coroner e un sacco grande.

Ma sarà divertente leggere la descrizione del cadavere, e chissà che non mettano pure la foto...».

La Frentzen attende la morte con la testa rivoltata all'indietro e latenti sussulti, nella disperata illusione che qualcuno la noti e la trasporti subito in ospedale.
Temuta sicaria della Mala assassinata con numerosi colpi di pistola e rinvenuta cadavere con una bottiglia di vetro infilata nella vagina: gli occhi fissi alle stelle vedono già i titoli di domani. E quella foto sconcia.
La camicetta sbottonata e le tette sotto-sopra.
L'immagine di sé da morta fa eccitare la stessa Anna, che accenna un sorriso, mentre uno spasmo agonico le scuote il bacino.

In molti sarebbero venuti a piangerla, increduli, all'obitorio. In molti si sarebbero bagnati, disperati, su quella foto.

Ma adesso, mentre ci lascia la pelle, non c'è nessuno accanto a lei.

Flash! Flash! Flash!

Le stelle si avvicinano di molto.

C'è fretta di immortalarla.

«Esame superato, Signora Frentzen: lei lavorerà per noi».

Prova a parlare, ma non ci riesce.

Tuttavia la sua obiezione viene raccolta per intuito.

«Sono proiettili di piccolo calibro, non ci sono grossi problemi per una come lei».

Anche la domanda su Nathalie viene raccolta.

«Per la Fadlallah niente di troppo grave, la metà dei suoi colpi.

Però è una fifona e non ha il suo talento; quindi, non è adatta per noi.

Ma prima di partire per il nostro ospedale, signora... la foto più importante...».

AVANTI, C'È SPAZIO

di Salvatore Conte (2024)

Era conosciuta come Big Chana ed era uno spietato boss di mafia.

Stazza imponente, tette mostruose, bionda, grossolana, gretta, cercava di dissimulare con modi grottescamente affabili la sua mente omicida: aveva infatti ucciso, oltre a tanti uomini, una dozzina di donne nella sua scalata al potere, senza mai rimorso alcuno.
Conservava una cicatrice sulla grossa tetta destra, conseguenza di una coltellata ricevuta tre anni prima dall’unica donna che fosse riuscita a ferirla.

Si diceva che quando si vedeva quella cicatrice, allora si era morti, perché Big Chana amava uccidere mezza nuda, con la camicia tutta aperta, per non sporcare troppo i vestiti.
Stava ritornando da un regolamento di conti, ed era di buonumore, perché i conti li aveva chiusi.
Le sue guardie del corpo, Tommy-Babe e Jenny Grey, chiacchieravano con lei su come erano andate le cose.
La prima era una vacca slavata, cinica e boriosa.
La seconda una bella donna invecchiata bene, ma con tanti capelli grigi, reduce da una delicata missione ad Arkham City, la città costiera che stava affondando forse in conseguenza di misteriosi riti pagani.
Le tre si dirigevano presso uno dei covi della banda, un cottage nei boschi, appena fuori città.

Tommy-Babe, seduta al tavolo del piccolo soggiorno, cominciò a ripulire il suo tommy-gun, sorridendo all’indirizzo di Jenny Grey.

«Hai visto che ballo quella puttana?
Cazzo… non ho mai visto nessuna prendere così tanto piombo e rimanere in piedi…».
«Le puttane senza cervello non sentono il dolore: ha preso una trentina di pallottole come niente fosse, le sue tette sono diventate di piombo… alla fine non aveva più spazio dove metterlo...».

«Trenta non lo so. Però una ventina, di sicuro...».
Big Chana si era data una rinfrescata e ora si stava rivestendo.

Era una calda sera d’estate e le finestre del cottage erano tutte aperte.
Improvvisamente la quiete notturna fu scossa dall’esplosione di numerosi colpi d’arma da fuoco. Diverse schegge di legno volarono per aria.
«Merda! Ci hanno trovato!».
Tommy-Babe si affrettò a rimontare il tommy-gun, ma prima che potesse mirare e rispondere al fuoco, fu raggiunta da più colpi.
Fu costretta ad abbassare l’arma e a barcollare da sinistra a destra, mentre altri colpi la raggiungevano.
Perse definitivamente il mitra e finì per arretrare contro la parete di fondo.
Jenny si era gettata a terra e assisteva impotente al massacro della sua amica, ancora bersagliata dai colpi.
«Babeee…!», urlò enfaticamente.
La slava, pur rimanendo a lungo sulle proprie gambe, era stata crivellata di colpi, e alla fine fu costretta ad arrendersi, scivolando di schiena lungo la parete e atterrando sul fianco sinistro, la camicetta imbrattata di sangue e gli occhi allucinati.
Jenny Grey era inferocita, strisciò fino al tommy-gun e si tirò su, pronta a rispondere al fuoco.

In quel mentre la porta della camera si aprì.
Sulla soglia comparve Big Chana con un tommy-gun per braccio, più imponente che mai.
Rinfrancata, Jenny aprì la porta d’ingresso e sparò all’impazzata, nel buio, fasciata dalla sua famosa camicetta rosa, tipicamente sbottonata fino allo stomaco.
«Fottuti bastardi! Veniteci a prendere!».
Tommy-Babe, intanto, continuava a scalciare, aggrappata alla vita, nonostante i tanti colpi incassati.
Nell'attimo in cui Jenny Grey finì i colpi, rimase pericolosamente esposta e fu raggiunta in pancia da una raffica.
Barcollò verso il centro del soggiorno, stramazzando sul divano; prese ad ansimare disperatamente, incrociando le braccia sulla pancia, cercando di stringersi su sé stessa.
Ormai Chana doveva fare tutto da sola.
Li avrebbe aspettati.
E arrivarono.

RAT-RAT-RAT
RAT-RAT-RAT
RAT-RAT-RAT
Si infilarono dentro dalla porta e dalle finestre.
Erano tre.
I tommy-gun di Chana, due.
I proiettili esplosi furono talmente tanti che il cottage sembrò vacillare.
Alla fine Big Chana, pur rimanendo i piedi, aveva incassato più di trenta colpi…
La sua leggenda non mentiva, poiché la cicatrice sul grosso seno fu l’ultima cosa vista dai tre sicari.
Si alleggerì dei fedeli tommy-gun e raggiunse barcollando il divano, dove crollò addosso a Jenny.
Ansimava e grondava sangue dalla bocca.

«Io ce l'ho... lo spazio... e tu... Jenny...», nel gergo era un modo per chiedere se riusciva a reggere.

Sia Jenny Grey che Tommy-Babe avevano incassato altro piombo nella baraonda finale, soprattutto fuoco amico.

La slava, infatti, non si muoveva più.

«Io... sono piena...», riconobbe Jenny, con la lingua arricciata sotto il palato, impegnata a non farsi sorprendere.

«Vecchia zoccola... non vuoi crepare...

Ma tu... lo spazio... non ce l'hai...».

«Pensa al tuo...», rispose fieramente Jenny Grey.

Era rimasta con la bocca spalancata a gestire le ultime bolle d’aria e gli occhi a fissare il soffitto.
Big Chana era grossa, molto grossa, aveva tanto spazio; ma anche tanto piombo in corpo; tanto-tanto.

Uno stridio di gomme risuonò acuto all’interno.

«Per fortuna abbiamo con noi Tappa-Buchi.

Avrete da lavorare, doc...».
«Meno di quanto credi, Jim.

Solo Jenny se la stira ancora...

Big Chana e Tommy-Babe non sapevano più dove metterle...».

PALLOTTOLE E PUPE

di Salvatore Conte (2024)

Il boss ha scelto per lei una scorta di sole donne.
Non solo per la prevenzione del problema corna, ma soprattutto perché sono le migliori.
Mad Nurse e Tommy-Nadine: non poteva affidare Chana a uomini più svelti.

Significa che alla sua pupa il boss ci tiene.

La mattinata è bella, Chana vuole farsi un giro in campagna.

Al volante c’è Mad Nurse, l'infermiera sbottonata che per secondo lavoro fa la gangster. Oggi fa il turno di notte.

Al suo fianco, fa la sua grassa figura Tommy-Nadine, detta in questa maniera per la sua capacità di coniugare la quantità con la precisione.

Sul sedile posteriore viaggia tranquilla la fata del boss, la scintillante Chana, con uno sgargiante vestitino scollato il giusto.

Il passaggio a livello è chiuso.
Capita.
Un buon Tommy-Gun è in grado di spianare qualsiasi problema, ma se il treno riga dritto, non è il caso di prendersela.
Va tutto bene.
Ma c’è un però.
Anzi, tanti però: raffiche di però calibro 45.
RAT-RAT-RAT
RAT-RAT-RAT
RAT-RAT-RAT

RAT-RAT-RAT

Si rialzano dai cespugli dietro cui si erano acquattati e sputano piombo dalle bocche dei loro Thompson.
Sono due per lato: un agguato in piena regola.
«Fuori!», urla Tommy-Nadine, riferendosi a Mad Nurse.
Chana, invece, si accuccia bassa, cercando di limitare i danni.
Le due ragazze di scorta escono allo scoperto.
Sembra una tattica folle, e in effetti per Mad Nurse non ci sarebbe nulla di strano.
Invece Tommy-Nadine sa il fatto suo.
RAT-RAT-RAT
RAT-RAT-RAT
Le ragazze, pur crivellate di colpi, rispondono.
Fossero rimaste all’interno dell’abitacolo, non avrebbero trovato scampo.
Adesso invece ribattono colpo su colpo.
I cespugli non costituiscono un valido riparo dalle pallottole.
Gli assalitori vengono falciati.
Il boss non sbagliava.
«Ce la fai… a guidare…?».
«Sì… certo… ma prima… mi faccio un tiro…», Mad Nurse non si smentisce mai.
Tommy-Nadine sale dietro per dare un’occhiata a Chana.
«Solo un paio... di pallottole… per la nostra fata…», sospira affannata alla compagna.
«Bene… il treno per l’inferno… l’hanno preso loro…», chiosa l'infermiera.

E mentre il treno arriva per davvero, sferragliando alle loro spalle, Mad Nurse rientra alla base a tutto gas e, ormai sfiancata, finisce la corsa dentro il laghetto della villa.
Gli uomini accorrono.
«Presto! Andate a prendere Watson.
Si va sui materassi, ragazzi!».

ZTL TRAGICA ALLE CISTERNOLE

di Salvatore Conte (2024)

Camicette allentate e carne morbida, pronta all'uso.

Non pensare troppo al grosso problema nella pancia, ma sfidarlo a colpi di tette e cellulite.

Ha il controllo della droga nelle borgate a sud di Roma e lo gestisce dalla sua villetta alla periferia di Frascati.

Anna Frezzante si scopa tutti: commissario, questore e magistrato.

È una consumata stronzona di 52 anni, ma il malaccio l'ha trasformata in una sorta di cadavere deambulante, con la morte che le cammina a fianco e la sorveglia...

Ciò nondimeno, Anna rimane - per tutti quelli del giro - la Stronzona delle Cisternole...

Fino ad anni recenti Anna Frezzante è stata il top assoluto; come un Long Playing, sembrava non finire mai...

   

Adesso, però, in pieno declino, con un fisico ormai scoppiato e da cessa, deve barcamenarsi, allentando i camicioni... facendo intravedere le tette penzolanti... il piatto forte della casa...

I nemici non le mancano: rivali in affari, donne più giovani che aspettano imbarchi altra acqua, uomini spremuti, gente truffata, e tanti altri, i quali amerebbero riconoscerla all'obitorio, dopo averle alzato il lenzuolo dalla faccia.
È per questo che quando le viene diagnosticato un tumoraccio nelle budella, in tanti festeggiano. Ora c'è solo da aspettare.
I medici non le hanno dato più di otto settimane, perché il cancro è aggressivo; anche meno, se attacca il pancreas.
Lei, però, la gran puttana, si porta ancora in giro.
È decisa a regolare i suoi conti prima di mettersi a letto e schizzare all’inferno, crepando da biscia come tutti i malati terminali.
Non vuole arrendersi un attimo prima del necessario.

Vuole farli rosicare fino all'ultimo.
La Frezzante è proprio una stronzona.

I servizi le hanno chiesto il favore di fargli fuori un giornalista scomodo.
In cambio la faranno traslocare tranquilla in Svizzera, dove passerà le ultime settimane in terapia presso una prestigiosa clinica.

Anna ha deciso di abbordare il giornalista al bar.

Poi, al momento opportuno, lo toglierà di mezzo.
Tanto, dopo il fatto, sparirà dalla circolazione per un bel po’, diciamo pure per sempre.
È mal messa e affaticata, ma non passa mai inosservata.
La camicetta è sbottonata aggressivamente fino allo stomaco.
Franco Cardella ci casca subito dentro, con tutte le orbite. A momenti il barman deve raccogliergli il labbro dal banco.
Bevono qualcosa al tavolo, scambiando le solite parole.
Lui ha 20 anni di meno.
A un certo punto, però, la Frezzante comincia a sudare freddo.
Le cose non vanno.
Ha una crisi. E anche violenta.
«Non ti senti bene?».
«No… è che… ho un problema…».
«Ti accompagno a casa?».
«Cisternole è lontana…
Portami a casa tua… è meglio… vivi solo?».
«Sì… infatti…», un po’ stupito che la donna l’avesse dato quasi per scontato.
«Aiutami…», Anna non finge, non riesce proprio a stare in piedi.
«Tutto bene, signori?», il barman ha buttato l’occhio in quella direzione, anzi per la verità non l'ha mai tolto.
«Solo un po’ di stanchezza. Me ne occupo io».
Cardella ha buon gusto e non divide la preda con nessuno.
In macchina la Frezzante si aggrava, comprimendosi le mani sulla pancia, adesso con rabbia e preoccupazione.
«Accosta… devo parlarti…».
«Come vuoi…
Ma se preferisci chiamo un’ambulanza».
«No… è inutile… sto crepando…
Spero non stasera… ma comunque sono finita…».
«Sei malata?».
«Molto…».
«Non si può fare niente?».
«No.
Ti piaccio, vero…?».
«Molto...».
«Potremmo… farla finita insieme…», forse Anna è tentata davvero, ha estratto il revolver dalla borsetta e se l’è puntato contro il fianco.
«Sei impazzita? Non fare sciocchezze!».
«Fallo tu… avanti… non è difficile…».
Gli mette in mano la pistola, puntandosi la canna contro la pancia, a bruciapelo.
«Se premi il grilletto… mi ammazzi… Franco…», gli sussurra sensuale con occhi allucinati, carichi di follia e paura insieme.
«Tu… lo vuoi davvero?».
Si guardano fissi negli occhi.
BANG
Gli occhi di Anna si sbarrano increduli.
È rimasta uccisa, si è fatta ammazzare come una stupida.
«NO!», grida l’uomo, a sua volta spaventato.
Non capisce come sia successo.
Anna abbassa gli occhi sullo stomaco e li rialza ringiovanita di 10 anni.
«Questa… la prendo io…
Ci hanno sparato contro… Franco…
Sono degli incapaci… ma potrebbero… aggiustare il tiro…». Cardella capisce soltanto ora che Anna è illesa. «Metti in moto… presto… e spingi a tutta…».
Il reporter di “Ultima Notizia” non se lo fa ripetere.
Riparte sgommando e fila via, controllando nervosamente lo specchietto.
«Chi può essere stato? Chi sei?».
«Sono in tanti… a volermi morta…», Anna si è fatta apatica, non sente più le gambe.
La crisi è più grave del previsto.
«C’è un fosso… da queste parti… puoi scaricarmi lì…».
«Perché dovrei?
Ti porto all’ospedale... o dalla polizia…».
«No… lì no… capito…?», gli mostra la punta della canna; stavolta è orientata verso di lui.
«Okay… sta’ tranquilla… andiamo dove dici tu».
«Ho sete… dicono… che le bestie… hanno sete… quando muoiono…».
«Aspetta… mi fermo a comprare una bottiglia…».
Quando rientra, glielo chiede.
«Dove ce l’hai?».
«Nell'intestino…
Ma da come… sta andando… dev’essere passato… al pancreas…».
«Se è arrivato al pancreas… è una cosa brutta, Anna…».
«Cosa te ne importa… mi hai… appena conosciuto…».
«Sei una donna interessante, combattiva, attraente. Mi piaci molto.
E di sicuro vuoi salvarti, non mi sembri stanca di vivere».
«Mi conosci già abbastanza… in fondo…
Ma adesso guida… guida… portami lontano…».
I minuti passano, insieme alle luci della città, ai semafori rossi e a quelli verdi.
«Fermati…», un sibilo sofferto lascia le labbra di Anna.
E Franco si ferma subito.
La Frezzante, con le mani pressate sulla pancia, si sporge in avanti e appoggia la testa contro il cruscotto dell’auto, smaniosa e impotente, gli occhi annebbiati e la bocca aperta e affannata; sembra avere un disperato bisogno d’aria.
«Non ce la faccio… chiama un’ambulanza… non voglio… crepare così…».
«Certo… subito…».
«Mi chiederanno… perché… non gli ho fatto… l’ultimo favore…».

Ma lui è impegnato a chiamare il 118.

Ricoverata d’urgenza, in terapia intensiva, la 52enne Anna Frezzante, da tempo malata. Le condizioni della donna si sono improvvisamente aggravate nella serata di oggi.
Una folla di curiosi si è radunata nella hall dell’ospedale. Si teme infatti il peggio tra stanotte e la giornata di domani.
Il portavoce della donna, il giornalista Franco Cardella, ha però fatto trapelare un cauto ottimismo: «La signora Frezzante è cosciente e non si è arresa. Domani stesso intende ritornare nel suo quartiere, alle Cisternole, nel territorio di Frascati, dove proseguirà le cure a domicilio».
Dalla redazione di Cronaca Vera è tutto per ora, ma vi terremo aggiornati.

«Bravo… niente funerali… non devono sapere… quanto mi rimane…
Domani… mi bombardano il pancreas… con la radio…

Chissà… tu che dici…».
«Dico che ti conviene provare. Se non fai qualcosa, ci duri poco alle Cisternole...».
«Sta' calmo… non sono finita... voglio salvarmi…
A casa… mi farò portare… ossigeno… plasma… farmaci…
Ho parecchi soldi da parte…
Te l’ho detto… io ci credo... voglio bombardarmi… fino alla fine…
Se perdo conoscenza... tu spingi... per tenermi in vita...», parla affannata,
«e se il coma... sarà leggero… potrò ascoltare… la tua voce… mi parlerai… a nome... di tutti…».

«Sono talmente tanti, di sotto, che a Cisternole dovranno istituire una ZTL intorno a casa tua».

«Sì... è probabile... saranno tutti per strada... ad aspettare il mio cadavere...», Anna smarrisce lo sguardo nel vuoto. «Tu parlerai di condizioni critiche... ma stabili... non devono sapermi... in fin di vita... nessun titolo... a effetto...».

«Non ti piacciono?».

«Non quando... mi riguardano... in prima persona...».

«Qualcosa tipo: "Le ultime ore della Dama di Cisternole", oppure "L'ambulanza arriva a sirene spente", che dici?».

«Che... avrei fatto meglio... a spararti...».

«Aspetta... "La morte è a un passi dalla ZTL"».

«Questa...», le strappa un mezzo-sorriso, «è buona...».
«D’accordo, allora: domani, radio.
A meno che tu non voglia tentare con un mio amico medico, che cura i tumori in un altro modo e che per questo ha subito numerose intimidazioni».
«Un personaggio… scomodo…?».
«Parecchio…

Ma adesso fatti un riposino, io rimango nei paraggi.

E domani, se ti va, mi spieghi quella storia dell’ultimo favore…».

Aveva ascoltato, dunque.

«Tu però... fai compagnia... a qualche infermiere... evita la solitudine...

In certi casi... può essere più fulminante... di un tumore al pancreas...», e lo fissa seria, tragicamente consapevole del proprio destino, e anche del suo.

«Anna... le tue tette non usciranno sgonfie dalle Cisternole... male che vada, sarai tenuta in coma controllato... stai tranquilla...».

«Farò la biscia... per un po'...

Poi... arriverà un'ambulanza... a sirene spente... anche gli altri sapranno... a cose fatte... e la ZTL... non avrà più senso...

La vecchia stronza delle Cisternole... si sarà tolta di mezzo... e tu... mi farai il favore... di evitare... i personaggi scomodi...».

«No, l'ambulanza arriverà a sirene spiegate, ti farò portare dal mio amico».

«Sai una cosa... Franco...?

Sto diventando... sempre più scomoda... anch'io...

Mettimi la beretta... vicino alla flebo... e chiama questo numero...».

ZOMBI-CESSA INCASSA E AMMAZZA

di Salvatore Conte (2024)

L'incarico è quello di eliminare Jack Saponetta, un pericoloso sicario che qualcuno ha deciso di far tacere.

Lei è una stimata free-lance dalle molte facce: niente di personale, solo business.

   

Layla Boyle è quel che si dice una vecchia cessa: tanti anni - cinquantaquattro, portati male - tanto grasso, tanta mignottaggine; però ancora in tiro, bona, gonfia e allentata; e con la ferma intenzione di continuare a fare la pupa inarrestabile.

Si veste da strappona per togliersi qualche anno da dosso, però nel giro tutti conoscono la sua età, i suoi problemi e il suo grasso: Layla è considerata finita.

Gli tende una trappola in uno spiazzo di periferia, attirandolo con un falso affare: soldi sporchi da ripulire.

Lo attende gonfia, imbottita di carne come al solito, per rallentargli i riflessi; con una camicetta che ne evidenzia la possanza.

Si è informata e pare abbia un certo gusto in fatto di donne; secondo altri sarebbe un necrofilo.

Nel dubbio ha omesso il fondotinta: fra tette, grasso in eccesso e occhi da zozza dovrebbe cuocersi a dovere. Di certo non non gli è risultata indifferente.

Data l'ora, non c'è nessuno in giro; la luce bianca dei lampioni pubblici conferisce un pallore cimiteriale ai volti dei rari passanti.

«Hai portato quelli buoni?», avanza spavalda verso di lui, gonfia come una scrofa, sempre sicura che nessuno osi toccarla, un po' per rispetto, un po' perché è ancora bona.

Eppure sa che Jack Saponetta ha eliminato più di quindici obiettivi diversi e l'ha sempre fatta franca.

Stavolta, però, tocca a lui.

«Certo... 20.000 contro 100.000, ma puliti...».

La valigetta nella sinistra, la destra libera.

«Mi fido, prendila...», giunta a pochi metri, gliela lancia.

Ma lui non ci casca, scarta a destra e infila una mano nella tasca del cappotto; sempre coperto, nonostante il bel tempo.

STUMPF

Prima che la beretta di Layla lo punti, lui la fulmina.

Non ha nemmeno estratto, ha sparato con la glock ancora nella tasca.

La 54enne strabuzza gli occhi.

È stata raggiunta all'addome, nella pancia grassa.

Barcolla, ma rimane in piedi, la stazza funziona e fa da contrappeso alla pallottola, che avrebbe scaraventato a quattro metri una ragazza in linea.

Lo guarda quasi mortificata, imbarazzata; non per lo sgarro, perché ci sta nel giro di fregarsi, ma per aver dimostrato di essere ormai sul viale del tramonto.

«Mollala... non ti faccio niente, la cosa finisce qui...».

Ha ancora la beretta nella mano ed è tentata di giocarsi le ultime carte.

Ma stavolta si fida sul serio.

Impossibile fregare in quelle condizioni uno come Jack Saponetta.

Tanto vale affidarsi alle zinne grasse e alla carne gonfia.

«Adesso torna verso la macchina».

«Grazie... grazie...», sussurra la 54enne.

Jack non ha intenzione di finirla.

Raccoglie la pistola da terra e senza dire nient'altro se ne va, mentre Layla, ingobbita, si tampona il buco incrociando gli avambracci sulla pancia, cercando di raggiungere l'auto.

Ce la fa, riesce a mettersi seduta alla guida, ma la soddisfazione dura poco.

Neanche il tempo di riprendere fiato, che lo sportello del passeggero si apre.

Un uomo vestito di nero, dissimulato con una calza da donna in testa, le entra in macchina e le punta contro il fianco un revolver con silenziatore innestato.

Evidentemente anche il suo incarico era solo un inganno per prenderla alla sprovvista ed eliminarla. Oppure le fanno subito pagare il fallimento.

«NO!».

Ma è tutto inutile.

STUMPF
M'ammazzano...

STUMPF
Mi fottono...

STUMPF
Basta... ma quando smettono...

STUMPF
Sono pazzi... se continua così, non mi salvo...
STUMPF
Adesso smette...

STUMPF
Non ci posso credere... non può essere toccato a me...

CLICK

È finita, adesso si ferma...
Ad ogni colpo, un sensuale sussulto per il killer, che gli mette voglia di spararle addosso per tutta la sera; tanto che gli svuota contro il caricatore.

E rimane deluso quando gira a vuoto.

«È andata, capo. Imbottita di piombo... il grasso fuso le colava dalla pancia..», il sicario riferisce di persona al boss.

«Quella troia mi aveva stancato.
Quali sono state le sue ultime parole?».
«Mi sembra... ah sì... “siete pazzi”.
Poi si è accasciata sul volante e ha tirato le cuoia».
«Che cosa voleva dire?».
«Non lo so, capo».
«Quanti colpi?».
«Tutti e sei, più quello che s'era presa cercando di ammazzare Jack Saponetta, e che forse sarebbe già bastato, visto che buttava sangue come una fontana».
«Sei?!
Non pensavo fossi così cattivo...
Ecco perché ha protestato...
Sempre stata una presuntuosa. Ma a 54 anni, farsi tante illusioni...
Gran puttana, comunque. Domani compra il giornale: voglio leggermi il necrologio».
«Cinquantaquattro anni, ma sempre quel sorriso sornione da strappona svampita...».
«Già... deve esserle bruciato parecchio dover tirare le cuoia, visto che si sentiva ancora tanto giovane...».
«Quando si è aggrappata al volante, tra il peso e la rabbia, ho pensato che lo staccasse dal cruscotto.
Ma è durata poco, le braccia sono diventate di burro e ha perso la presa.
Un rantolo, un calcio a vuoto, ed è crepata.
D'altronde aveva fatto il pieno di piombo!».
«Non le hai lasciato scampo, bravo.
Altrimenti ti avrebbe supplicato, prima di morire.

No, aspetta... parliamo col capo...», scimmiottandola. «Dammi una possibilità... posso esservi utile... farò qualunque cosa... aiutami... non respiro... allentami la camicetta...».
«Quando ho finito, guardava fisso da tuttaltra parte, capo. Non ha avuto il tempo di fare discorsi».
«Hai saputo giocare d'anticipo...».

Poco dopo Layla riceve un'altra visita.

Era rimasto nei paraggi per vedere se riusciva a ripartire, portandosi in ospedale. E ha avuto paura che ci fosse rimasta secca.

Entra anche lui nell'abitacolo e la trova con la testa infilata nel volante.

La libera e la porta contro lo schienale.

«Ma che cazzo fai, stasera?!».

«Jack... l'ovatta...», Layla indica con mano tremante lo sportellino portaoggetti.
Lui la prende e gliela preme addosso.
«Spingi... e dammi la mano...
Sono pazzi... guarda... guarda... cough...
Dilettanti... per uccidere... si spara al cuore... cough... non si sprecano... pallottole... cough...
Non si ammazza... così... una vecchia signora...».
«Vuoi tentare, o la facciamo finita?».
«Tu... cosa pensi...».

«Con tutto questo piombo addosso è un po' tardi per correre in ospedale».
Gli occhi di Layla sono delusi, tormentati.
«Lo so... muoio... ma... cough... non mi dare niente... aspetta...», il fiato corto, concitato.
«D'accordo».
«Hai capito... cosa... hanno fatto...».
Ha un gran bisogno di parlare.
«Lo vedo: un lavoro sporco, non si spara così a una bella signora».
«Io... non volevo... cough... è stato solo... business...».
«Non ti porto rancore, Layla», il tono è calmo, rassicurante.
La Boyle stringe la mano di Jack con forza, non ha smesso di lottare.
«Non sento... più... le gambe...». Lui l'ha coperta con il suo cappotto. «Jack... finirò... bruciata... nell'auto... cough...».
«No, non saresti carina all'obitorio.
Ti ritroveranno alla guida, con la macchina intera».

«Jack... nella borsetta... c'e una foto... cough... di quando... ero giovane...».
«Non sei cambiata molto...».
«Sei l'assassino... più galante... cough... che... mi sia capitato...».
«Me la tengo, se non ti dispiace».
«Jack... c'ho provato...!
».
Uno-due-tre calci a vuoto, con gli occhi fissi che guidano nel buio.

La bocca rimane spalancata.

La mano di Jack le sfugge come fosse una saponetta.

Si riprende il cappotto e sta per andarsene, quando un impulso lo frena.
Sono stati pazzi a liquidarla così; con la sua pallottola arrivava perlomeno in ospedale.
Adesso bisogna inventarsi qualcosa.
A mali estremi, estremi rimedi.
Non rimane che la carta Malmstrom, il medico radiato dall'albo per i suoi esperimenti estremi.
«Ti porto con me, vecchia troia...».
Con Malmstrom non è mai troppo tardi.

«È morta da poco. Il corpo è caldo...», al telefono con il professore.

«Allora la porti, ma faccia presto.
È più facile se comincio a lavorarla sotto l'ora».
«Fra venti minuti sono da lei, professore».

«Adesso... voglio... ammazzare...», il linguaggio della Zombi-Cessa è rallentato. «Io... ho creduto... di morire», deve sforzarsi per trovare le parole.

Ha qualche lampadina bruciata, ma le tette sono tornate nuove.

«Sei morta davvero».
«Tu... sei sulla lista... di quelli... da ammazzare...

Sei morto... come me...».

«Allora... ci sposiamo... tra cadaveri... e andiamo... ad ammazzare... insieme!», Jack parla lento come lei, altrimenti il senso le scappa come una saponetta.

E stavolta lui non è interessato a scappare.

LA MINOTAURA

di Salvatore Conte (2024)

Roma versava nel più totale declino.

Le fazioni patrizie si affrontavano senza esclusione di colpi, in cruente sfide alla luce del sole.

Folle di plebei assistevano non troppo in disparte a questa sorta di spettacoli, eccitate dal sangue, parteggiando per l'una o per l'altra frazione.

Quel giorno corsero ad ammazzarsi Sillani e Costantiniani.

Dopo le minacce rituali, ricevuti gli auspici dei rispettivi faziosi, le bighe cominciarono a macinare l'arena campestre, teatro della battaglia.

     

I Sillani schieravano sul carro del comandante il loro Senatore, affiancato dalla  moglie Chana, abile sagittaria, detta la Minotaura per la possanza bestiale e la forza taurina; di origine celtica, aveva la pelle molto chiara.

Due bighe di scorta, armate di giavellotti, precedevano la coppia senatoria, lanciata contro il fronte nemico.

I Costantiniani schieravano - sul carro di comando - Lazarus, il famoso zombi rianimato dalla loro negromanzia, vulnerabile solo nel cuore e nella testa, addestrato al lancio del giavellotto, e la vecchia Maria, ancora in carne e forte nelle braccia, con un velo bianco che le scendeva dal capo.

Le bighe si rincorrevano compiendo manovre azzardate, cercando di portarsi alle spalle di quelle nemiche, posizione in cui aurighi e guerrieri della fazione avversa risultavano più vulnerabili.

La Minotaura aveva già scoccato le sue frecce, trapassando la gola a un giavellottiere costantiniano.

Questi fu subito rimpiazzato dopo un passaggio del carro presso lo stazionamento della fazione.

Lazarus, animato dalla sua forza infernale, aveva squarciato la schiena a un auriga sillano, con tale potenza che perfino la palla di piombo innestata nel giavellotto - atta a potenziare l'impatto e rendere preciso il tiro - si era conficcata nel dorso dello sventurato.

       

Ora Maria si recava presso la stazione d'appartenenza per fargli riprendere il giavellotto.

La vecchia sgualdrina sapeva che per porre fino allo scontro occorreva togliere di mezzo il campione nemico, la Minotaura.

E lo sapeva anche il negromante che controllava Lazarus da bordo campo e che lo allenava tra uno scontro e l'altro.

Fu così che venne dedicato a tale obiettivo, e quando riuscì a portarsi alle spalle di Chana Sillana, ricevette il comando di sferrare il colpo mortale.

La Minotaura si avvide della minaccia e si voltò di scatto, più vipera che toro in questa circostanza.

SWISH

SWISH

Due proiettili fendettero l'aria nello stesso momento.

Lazarus fu colpito al cuore dalla freccia e si abbatté contro il parapetto della biga, come un cadavere rigido da tempo.

La Minotaura fu raggiunta all'addome dal giavellotto.

La punta si conficcò profonda nelle budella, fino alla sfera di piombo, che rimase però esterna alla ferita.

Il clamore del pubblico salì al cielo.

Chana Sillana incassò la punta senza battere ciglio, forte della sua possanza.

Il problema immediato era quello di girarsi: con il giavellotto nella pancia non poteva muoversi più di tanto.

In quelle condizioni non poteva approfittare del vantaggio conseguito con l'abbattimento del duce nemico.

Il marito, preoccupato per lei, optò per la ritirata.

Ma prima ordinò di vendicarsi su Maria.

Il secondo giavellottiere sillano, con un preciso lancio dalla distanza, infilzò nelle reni la lurida vecchia - che nonostante l'età ragguardevole combatteva indossando una tunica celeste sborchiata fino all'ombelico - creando lo scompiglio tra i suoi tanti tifosi, che imprecarono sonoramente a bordo campo.

La biga di Maria, senza più controllo, si rovesciò su un fianco, sbalzando la vecchia in un fosso; era situato ai piedi di un rilievo ove erano assiepati numerosi tifosi.

Subito soccorsa dal medico dei Costantiniani, fu portata fuori campo in barella.

Alla fine non ci furono vincitori, ma le emozioni non erano mancate.

Il pubblico rientrò a piccoli gruppi in Città, mentre la morbosa curiosità per la sorte di Chana Sillana e di Maria Costantiniana montava frenetica tra i faziosi di entrambe le sponde.

Pasquino avrebbe aggiornato a breve la situazione, su un muro chiamato "Tutto il gladio, colpo su colpo".

Intanto seguiva da vicino gli eventi, incerto su quale fosse la curiosità maggiore da soddisfare. Optò per tallonare personalmente Chana, mentre avrebbe mandato un suo adepto a seguire le sorti di Maria.

La moglie del Senatore Sillano era fra le braccia del marito.

«Toglilo via... oppure impazzisco...».
«Ma ti strapperà le budella... meglio aspettare un chirurgo...».

«Non cambia niente... fallo subito...».

«Come vuoi...

State pronte, voi».

Il Senatore si era indirizzato alle sue serve, che avevano alla mano diverse spugne per tamponare il sangue e riempire il buco.

Chana rientrò in città sulla sua lettiga.

Ad un tratto, però il braccio della Minotaura cadde a penzoloni nel vuoto.

«Ferma!».
Al Senatore, che le aveva ceduto per intero il posto, e che l'appaiava a piedi, non era sfuggito il preoccupante segnale.

«Chana...», la vista annebbiata, le budella di fuori e la bocca spalancata orrendamente. «Chana, che fai? Siamo quasi arrivati a casa. Presto ci saranno i nostri faziosi...

La ferita è profonda, d'accordo, ma tu... sei... lo sai chi sei?».
Chana Sillana lo guardava sconsolata, con poca aria da gestire.
Stava agonizzando e aveva cominciato ad ammetterlo.
Quel maledetto zombi costantiniano...
«Con te viaggerà Cecilia.
Devi tamponare forte sulla ferita e dare la mano alla padrona.
E avvisarmi se...
».
«Giove non voglia...».
«Va bene, cara?
Arriverai a casa tranquilla, e troverai il chirurgo ad aspettarti. Non ci saranno problemi. Niente di doloroso. Verrai curata e ti sentirai meglio.
Il Senatore cercava di minimizzare, cercando di non impressionare troppo la moglie; possente, coraggiosa, ambiziosa, sì, ma di fronte a Dite un po' fifona come tutti.
«Certo... ma... ma... rimani vicino...».
Chana Sillana aveva ormai paura che la situazione potesse precipitare.
Tuttavia il conforto e le cure di Cecilia furono utili e la moglie del Senatore riuscì a gestirsi fino a casa.

Nella battaglia, colpita anche Chana Sillana, moglie del Senatore!
Non è chiaro quale sia la sua sorte!
Secondo alcuni è rimasta uccisa!

Secondo altri è ferita a morte, ma ancora in controllo!

Gli strilloni si riversavano per le vie della Città.

Quando si ebbe la certezza che era stata raggiunta da un giavellotto e che - a seguito della sua estrazione - era rimasta sbudellata, una folla di curiosi circondò la domus Sillana per seguire da vicino, minuto per minuto, il crollo della potente Chana.
La morte è lenta in questi casi, tutti ci provano fino all'ultimo.

Inoltre la stazza possente della Minotaura avrebbe reso l'agonia molto combattuta.
Non avrebbe mollato facilmente, ne erano sicuri.
La morbosa attesa era troppo interessante, anche se altri avevano preferito la domus Costantiniana, ove la vecchia Maria era ormai data per morta.

Però avere notizie non gli bastava più: volevano visitare a turno, in piccoli gruppi, la superba matrona, anche a costo di invadere la domus.

I pochi pretoriani in servizio faticavano a tenere separati gli opposti faziosi, che si minacciavano reciprocamente e si lanciavano contro le pesanti selci delle strade, che i costantiniani chiamavano sanpietrini.

La crescente violenza della plebe era ormai un problema serio per Roma, che si aggiungeva a tanti altri.

Vi era grande ressa anche al capezzale di Maria, attaccata alla vita benché anziana.

La morbosità della plebe era divisa tra le due campionesse morenti.

La loro resistenza era eroica.

La loro fine sarebbe stata leggendaria e avrebbe oscurato la stessa fama del Minotauro, legandosi ai simboli della Città, perdurando nei secoli e contagiando gli ignari posteri.