Home
Didone Liberata
DL - Abstract
DL - Préface
DL - Compte Rendu
DL - Atti e Scene
DL - 1.1F
DL - 1.4F
DL - 4.6F
Dido sine veste
Virgil's Dido
Ovid's Dido
Altisidora infera
La Didone
D. Delirante
Contre-Enquête
Contro-Inchiesta
Point de Rupture
A. incriminado
Virgil's Murder
Le prix de l'honneur
Psittacus occidit
La Saga di Enea
Libro Primo
Silio Italico
Didone storica
Fonti
Dido coins
Solky
Didone non è morta
Dido Forum 1
Dido Forum 2
Dido Forum 3
Didography 1
Didography 2
Dido Links
Didoleak
AgrippinA
Augustae
The Doubt
Un pupo per AA
Il Naufragio
Cornelio Agrippa
Anneide
Zoraida kiss
'A Barunissa
Odyssey Dawn
BB
Mazonian War 2
Meminisse Iuvabit
Gesù e le Donne
Serici Silices
Nova Humanitas
Misoginia a fumetti
Arkham Horror
Dalila's Gates
Porta di Dite I
Porta di Dite II
Porta di Dite III
Porta di Dite IV
Porta di Dite V
Porta di Dite VI
Ditis clientae
Porta di Dite AI
Porta di Dite AII
Porta di Dite AIII
Porta di Dite AIV
Porta di Dite AV
Porta di Dite AVI
Porta di Dite AVII
Porta di Dite AVIII
Porta di Dite AIX
Porta di Dite AX
Porta di Dite AXI
Porta di Dite AXII
Porta di Dite AXIII

Nova Humanitas

Nova Humanitas

universitas·latina

Il progetto nascosto dell’intelligenza maschile

al servizio e per la protezione della donna:

storia di un’alleanza lungo il tempo e lo spazio.

L'AVVENTO DELLA GRANDE ALCHIMISTA

NEI SEGNI D'OGGI

Un'area di studio "didocentrica", un'autentica Universitas Studiorum, in antitesi con l'immanente Parva Pars Studiorum, “La Insipienza”, dell'Occidente declinante.

Uno dei tanti progetti caduti nel vuoto della massoneria confessionale occidentale.

La lingua Latina come Codice di conoscenza multiculturale e multietnico, patrimonio condiviso dei popoli d'Europa e del Mediterraneo, patrimonio di tutti, nessuno escluso.

Lingua Latina corpus rationum atque culturae variarum gentium est, commune commodum Europae et Maris Nostri populorum, omnium patrimonium, quo nemo excluditur.

Contatti

di Salvatore Conte (26 marzo 2011)

Ermeneutica sociale e implicazioni storiografiche:
la grande bolla e i fatti storici extra-bolla

Multa retro rerum iacet atque ambagibus aevi
obtegitur
densa caligine mersa vetustas,
cur Sarrana dicent Oenotri numina templo,
regnisque Aeneadum germana colatur Elissae.

(Silio Italico, Punica 8.44-47)

La cognizione, l’analisi e l’interpretazione dei fatti storici, ovvero di quei fatti che assumono un valore universale per l’Umanità, risentono in maniera decisiva dei modelli di ermeneutica sociale adottati (anche implicitamente) dagli storiografi.
La domanda essenziale diviene così la seguente: come è organizzata la società dell’uomo?
Nel rispondere a questa domanda, occorre prendere atto che la moderna scienza della politica è completamente impreparata a fornire una risposta accettabile.
Ancora una volta il problema diviene - in senso oggettivo - una questione di gerarchia delle fonti (cfr. Carneade, “La gerarchia dell’Alloro”, 2006: www.queendido.org/GerarchiaAlloro.pdf), e - in senso soggettivo - una questione di nebbia.
Scrive infatti Omero, tra le altre innumerevoli cose (Iliade 5.127-128, tr. Vincenzo Monti):

la nube dagli occhi ecco ti sgombro
che la vista mortal t'appanna e grava,
onde tu ben discerna le divine
e l'umane sembianze.

E poiché l’intervento di Pallade Atena Tritonia non può che avere carattere eccezionale, vi è da ritenere come vero - e l’esperienza lo conferma - che una fitta nebbia ingombri gli occhi della generalità degli uomini.
Tale circostanza è stata normalmente sfruttata a proprio vantaggio, sin dai tempi antichi, da quegli uomini che - pur orbi - vedono meglio di coloro i quali sono resi completamente ciechi dalla nebbia.
Questi uomini orbi sono l’elite del genere umano nella Storia.
Gli uomini completamente ciechi costituiscono la massa del genere umano.
L’elite ha utilizzato il proprio vantaggio istituendo una realtà sociale fittizia, nel senso che le categorie concettuali fornite alla massa (attraverso scuole e mass-media) per interpretare la realtà stessa, non sono idonee a svelarne le dinamiche sociali autentiche.
E’ quanto mai il caso di dire che l’elite mantenga il dominio sulla massa in maniera invisibile, perché la massa non è in grado di vedere chi la domina e attraverso quali meccanismi.
Può dirsi quindi che esista una grande bolla intorno alla massa umana, all’interno della quale una folla di ciechi venga guidata al baratro.
Nel serial Tv britannico “The Prisoner” (trasmesso per la prima volta nel 1967) la questione viene resa in forma allegorica (si veda l’immagine a lato).
Avviene talvolta, per i più svariati motivi (dalla fortuna di Diomede, alle sollecitazioni della stessa elite), che alcuni soggetti appartenenti alla massa siano in grado di bucare la bolla e di oltrepassarla, intravedendo così il Monte Olimpo, circondato da nubi, ove risiede l’elite. A questo punto l’elite interviene, attraverso i suoi emissari, instaurando con questi soggetti esuli dalla massa un contraddittorio volto ad assimilarli e a collocarli in una nuova posizione, riconoscendoli come propri simili.
Trattasi quindi di una dinamica fondamentalmente antropologica, ovvero connaturata alle forme sociali dell’uomo, effetto e conseguenza ultima della discrasia tra conformità biologica della specie (tutti simili quali uomini-animali) e difformità intellettuale, intesa in senso ampio e spirituale (estrema stratificazione delle capacità e dei valori intellettuali e metafisici).
Cornelio Agrippa scrive in proposito che l’ “anima [dunque] che è unita alla mente si chiama anima stabile e non caduca (stans ac non cadens); però non tutti gli uomini son pervenuti alla mente (mentem adepti sunt), poiché, come dice Ermete, dio padre ha voluto proporla come certame e premio delle anime; e coloro che trascurano ciò, privati della mente, schiavi dei sensi corporei, fatti simili agli animali irragionevoli, hanno il loro stesso genere di morte. […] Come dice Origene, v’hanno, si crede, certe virtù invisibili alle quali sono state sottoposte le cose terrene, distinte fra loro da non lievi differenze, come è precipuamente dell’uomo. L’uno perciò raggiunge il grado supremo della saggezza o della dignità, l’altro differisce poco dalle bestie e facendo pascere le bestie si abbrutisce a mezzo” (tr. Arturo Reghini).
Le implicazioni storiografiche di un’ermeneutica sociale soddisfacente producono pertanto effetti rispetto a due distinti livelli temporali. L’interpretazione della Storia risente e dipende infatti:
a) dalle esigenze di controllo sociale della elite di oggi;
b) dalla cognizione e analisi di fonti storiche, le quali hanno risentito a loro volta e al loro tempo delle esigenze di controllo sociale della elite di ieri.
Tutto ciò mostra l’utilità e la ragionevolezza dell’ermeneutica della doppia scrittura, da noi applicata a Virgilio, Tacito e altri massimi autori, che ha condotto a fare luce su fatti storici “extra-bolla”, ovvero sottratti dall’elite (di ieri e di oggi) alla conoscenza della massa, cioè cosparsi di densa caligine (cfr. incipit).
Questi fatti storici extra-bolla vengono tipicamente sostituiti dall’elite con fatti storici “intra-bolla”, ovvero con false versioni dei medesimi fatti, fatte accettare alla massa come vere e intangibili, cioè scritte in codice Braille.

Io stesso ho avuto prova di quanto affermo sopra.
Chi crede alle mie parole, chi ha letto e creduto ai miei saggi, drammi, romanzi e racconti (cfr. www.QueenDido.org), può altresì credere a quanto affermo in questa sede.

P.S.: Puntuale, dopo una settimana esatta, è giunto il plagio di un portavoce dell'elite, Ed Miliband, leader (fittizio) dei "progressisti" inglesi:

Ed Miliband: "Basta con la politica elitaria, bisogna aprirsi alla gente, uscire dalla bolla del potere"

[leggi tutto, la Repubblica, 2 aprile 2011]

dal Potere Occulto alla Materia Prima:

teoria generale

LA DEMOCRAZIA DI DOVER

L'Olimpia incatenata di Ludovico Ariosto, illustrata da Gustave DoréC’era una volta il Genere Umano ed a questo giunse una mail (un messaggio da uno schermo personale) da parte di un’amica di Olimpia, quella che un tempo fu salvata da Orlando, il figlio di Ludovico. La mail diceva che rimanevano solo 4 giorni, poi sarebbe stata la fine per Olimpia, la Sacerdotessa giunta da molto lontano. Perché la Sacerdotessa era incatenata sulle scogliere di Dover e cento demoni neri erano pronti a lanciare pietre su di lei. Li aveva generati un grande serpente di mare... [leggi tutto]

Salvatore Conte

Home
Didone Liberata
DL - Abstract
DL - Préface
DL - Compte Rendu
DL - Atti e Scene
DL - 1.1F
DL - 1.4F
DL - 4.6F
Dido sine veste
Virgil's Dido
Ovid's Dido
Altisidora infera
La Didone
D. Delirante
Contre-Enquête
Contro-Inchiesta
Point de Rupture
A. incriminado
Virgil's Murder
Le prix de l'honneur
Psittacus occidit
La Saga di Enea
Libro Primo
Silio Italico
Didone storica
Fonti
Dido coins
Solky
Didone non è morta
Dido Forum 1
Dido Forum 2
Dido Forum 3
Didography 1
Didography 2
Dido Links
Didoleak
AgrippinA
Augustae
The Doubt
Un pupo per AA
Il Naufragio
Cornelio Agrippa
Anneide
Zoraida kiss
'A Barunissa
Odyssey Dawn
BB
Mazonian War 2
Meminisse Iuvabit
Gesù e le Donne
Serici Silices
Nova Humanitas
Misoginia a fumetti
Arkham Horror
Dalila's Gates
Porta di Dite I
Porta di Dite II
Porta di Dite III
Porta di Dite IV
Porta di Dite V
Porta di Dite VI
Ditis clientae
Porta di Dite AI
Porta di Dite AII
Porta di Dite AIII
Porta di Dite AIV
Porta di Dite AV
Porta di Dite AVI
Porta di Dite AVII
Porta di Dite AVIII
Porta di Dite AIX
Porta di Dite AX
Porta di Dite AXI
Porta di Dite AXII
Porta di Dite AXIII